lunedì 18 agosto 2008

Significato del termine "serendipità"

La parola serendipità è un neologismo coniato nel 1754 dallo scrittore Horace Walpole ed è molto poco usato nella lingua italiana (il termine inglese è serendipity). Serendipità ha origine dalla parola Serendip, l'antico nome dell'isola di Ceylon (Sri Lanka). La storia da cui si ispirò Walpole per coniare il termine era una fiaba persiana e si intitolava "Tre principi di Serendippo". La fiaba narra di tre principi che nel loro cammino trovano alcuni indizi che li salvano in più occasioni. Le loro scoperte sono ovviamente casuali, ma il loro grande merito consiste nel loro notevole spirito di osservazione.

Dal punto di vista filosofico la serendipità è quella situazione in cui si trova qualcosa di importante mentre se ne sta cercando un'altra. La serendipità è molto importante nella ricerca scientifica, dove molte grandi scoperte sono state fatte per serendipità.

Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti al mio feed. I feed ti permettono di ricevere direttamente sul tuo pc tutti gli articoli del mio blog senza bisogno di visitarlo continuamente! Per maggiori informazioni sui feed, guarda questo filmato.

 

 

Leggi anche:

>> Perché di una donna gravida si dice che è "incinta"?

>> Anacoluto, questo sconosciuto!

>> Qual è l'origine dell'espressione "OK"?

>> Esiste il plurale di cioccolato?

>> Si dice "il weekend" o "lo weekend"?

>> Qual è l'etimologia della parola "grullo"?

>> Da dove deriva l’espressione “fare melina”?

>> Un aforisma di Woody Allen

>> "Misticismo e sogni" (Raymond Smullyan)

>> La difficile vita scolastica di Daniel Pennac

>> La sorprendente origine del saluto "ciao"

>> Qual è l'origine del termine ragù?

Articoli simili:



Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un tuo commento!