martedì 24 febbraio 2009

Imparare a usare il computer è necessario

 

In una società come la nostra chi non sa usare il computer resta tagliato fuori dalle informazioni più interessanti e, di fatto, resta lontano dalla civiltà del presente.

Molte persone rifiutano di imparare anche gli usi più elementari, come scrivere una lettera, reperire informazioni su Internet o mandare un e-mail. Il fatto che il computer è considerato alienante non giustifica questo rifiuto. Cosa è più alienante, fare uso del computer, o restare tagliati fuori? Secondo me restare tagliati fuori è sempre più alienante rispetto ad imparare qualcosa di nuovo e moderno.

Essere analfabeti in campo informatico non credo che possa portare mai a qualcosa di buono, non riesco infatti a vederne i vantaggi, né immediati, né a lungo termine. Esistono tanti modi per essere alienati, non c’è affatto bisogno del computer. La droga, l’alcool, la cura ossessiva dell’aspetto fisico sono molto più alienanti di qualsiasi uso del computer.

C’è anche un altro vantaggio nell’uso delle tecnologie informatiche: l’apprendimento assume una nuova dimensione, quella della ricerca personale. Riuscire a reperire le infomazioni che ci interessano (e non quelle che non ci interessano) non è una cosa da poco.

Si impara qualcosa di molto importante nella vita di tutti i giorni: si impara a cercare e a capire le cose da soli.

Spesso a scuola si è inondati da una quantità di informazioni che, nonostante in alcuni contesti siano importanti, non lo sono nel nostro. Tuttavia si fa uno sforzo enorme per apprendere queste informazioni e si perde tempo in maniera inutile, quando il tempo e l’energia si potrebbero utilizzare in modo più proficuo nel tentativo di apprendere abilità e nozioni che hanno un grande interesse, almeno nel contesto in cui agisce l’individuo.

Questo, ovviamente, non deve essere la morte della “cultura generale”, ma più che altro uno “spostamento dell’attenzione”.

Sappiamo benissimo com’è difficile imparare qualcosa che non ci interessa. Questo ci deve fare pensare. Siamo giunti ad una svolta e questa è l’epoca in cui anche l’istruzione deve poter cambiare.

Purtroppo in Italia (come al solito) siamo piuttosto indietro e invece di potenziare i nuovi aspetti dell’apprendimento si pensa solo a diminuire il personale della scuola e a formulare leggi che rispecchiano solo il timore che ci sia qualcuno che lavora poco…

In questo contesto, che è indietro di almeno 50 anni rispetto alle moderne conoscenze sulla modalità di apprendimento, non è affatto strano che ci sia qualcuno che lavora poco, sembra strano che invece ci sia qualcuno che ancora cerca di lavorare!

Nessuno pensa che la cosa importante non è lavorare molto, ma lavorare bene.

________________________

Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti al mio feed. I feed ti permettono di ricevere direttamente sul tuo pc tutti gli articoli del mio blog senza bisogno di visitarlo continuamente! Per maggiori informazioni sui feed, guarda questo filmato.

 

 

Leggi anche:

>> Imparare ad usare Linux. Scarica la guida completa

>> Installare Ubuntu 8.04 in una macchina virtuale

>> 30 anni di evoluzione Apple in 3 minuti

>> Brunetta e Microsoft. Anche in questo l'Italia va in direzione opposta rispetto al resto del mondo...

>> La spettacolare tecnica fotografica chiamata HDR (High Dinamic Range). Ecco come si fa.

>> Il feed è lo strumento di contatto tra i vari blog, vediamone le basi.

>> Su linux possono girare simultaneamente ben 165 programmi. Guardare per credere!

>> Lista di tutti i software compatibili con Windows Vista

>> Wallpaper che passione! Una lista dei 137 migliori siti che propongono sfondi desktop per il computer.

5 commenti:

  1. Bel post! In effetti il mio commento potrebbe essere considerato fazioso, dato che il mio mestiere è proprio l'informatica, ma devo dire che hai profondamente ragione. Il rifiuto dell'uso del computer, quando non giustificato da impedimenti oggettivi, come per esempio una molto avanzata età, è semplicemente una questione di moralismo.
    Ricordo qualche tempo fa, quando un qualche politico di primo piano affermò con malcelato orgoglio di non sapere nemmeno accendere un pc. Come se l'ignoranza più crassa potesse essere considerata motivo di vanto!
    Ancora più d'accordo mi trova la conclusione. Spesso si trova nei commenti da parte di una certa dimensione di italiani la frase "ma vai a lavorare", riferita a gente con molto denaro, o che fa mestieri giudicati "leggeri" come l'attore, o il politico.
    Sembra sempre che l'unico lavoro considerato veramente tale sia quello di contadino o di operaio.
    Mestieri di grande dignità, ovviamente, ma non si capisce perché in Italia, se uno lavora poco guadagnando molto debba essere considerato da biasimare.
    Se non fa qualcosa di disonesto ha solo la mia ammirazione!

    RispondiElimina
  2. Purtroppo in Italia l'ignoranza è considerata un enorme motivo di vanto. Le tette grosse sono più efficaci di qualsiasi cultura...

    RispondiElimina
  3. Salve, complimenti vivissimi per tutto il Blog, è molto interessante. Anch'io ne gestisco uno: http://www.automaticando.com/
    Vi rinnovo i complimenti!!!

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento!

Come oscilla un pendolo su Giove? (filmato)

In questo filmato possiamo vedere una bella rappresentazione di come cambia il periodo di oscillazione di un pendolo semplice in vari corpi ...