venerdì 5 settembre 2008

5 settembre 1938. Per non dimenticare...

Ormai sono passati 70 anni, ma certe cose non vanno dimenticate per nessun motivo!

R.D.L. 5 settembre 1938, n. 1390


Provvedimenti per la difesa della razza nella scuola


VITTORIO EMANUELE III PER GRAZIA DI DIO E PER LA VOLONTÀ DELLA NAZIONE RE D'ITALIA IMPERATORE D'ETIOPIA


Visto l'art. 3, n.2, della legge 31 gennaio 1926-IV, n.100;
Ritenuta la necessità assoluta ed urgente di dettare disposizioni per la difesa della razza nella scuola italiana;
Udito il Consiglio dei Ministri;
Sulla proposta del Nostro Ministro Segretario di Stato per l'educazione nazionale, di concerto con quello per le finanze;
Abbiamo decretato e decretiamo:


Articolo 1.
All'ufficio di insegnante nelle scuole statali o parastatali di qualsiasi ordine e grado e nelle scuole non governative, ai cui studi sia riconosciuto effetto legale, non potranno essere ammesse persone di razza ebraica, anche se siano state comprese in graduatorie di concorso anteriormente al presente decreto; nè potranno essere ammesse all'assistentato universitario, nè al conseguimento dell'abilitazione alla libera docenza.


Articolo 2.
Alle scuole di qualsiasi ordine e grado, ai cui studi sia riconosciuto effetto legale, non potranno essere iscritti alunni di razza ebraica.


Articolo 3.
A datare dal 16 ottobre 1938-XVI tutti gli insegnanti di razza ebraica che appartengano ai ruoli per le scuole di cui al precedente art. 1, saranno sospesi dal servizio; sono a tal fine equiparati al personale insegnante i presidi e direttori delle scuole anzidette, gli aiuti e assistenti universitari, il personale di vigilanza delle scuole elementari.
Analogamente i liberi docenti di razza ebraica saranno sospesi dall'esercizio della libera docenza.


Articolo 4.
I membri di razza ebraica delle Accademie, degli Istituti e delle Associazioni di scienze, lettere ed arti, cesseranno di far parte delle dette istituzioni a datare dal 16 ottobre 1938-XVI.


Articolo 5.
In deroga al precedente art. 2 potranno in via transitoria essere ammessi a proseguire gli studi universitari studenti di razza ebraica, già iscritti a istituti di istruzione superiore nei passati anni accademici.


Articolo 6.
Agli effetti del presente decreto-legge è considerato di razza ebraica colui che è nato da genitori entrambi di razza ebraica, anche se egli professi religione diversa da quella ebraica.


Articolo 7.
Il presente decreto-legge, che entrerà in vigore alla data della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del Regno, sarà presentato al Parlamento per la sua conversione in legge.
Il Ministro per l'educazione nazionale è autorizzato a presentare il relativo disegno di legge.


ORDINIAMO
che il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sia inserto nella raccolta delle leggi e dei decreti del Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.


Dato a San Rossore, addì 5 settembre 1938 - Anno XVI


Vittorio Emanuele, Mussolini, Bottai, Di Revel

 

Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti al mio feed. I feed ti permettono di ricevere direttamente sul tuo pc tutti gli articoli del mio blog senza bisogno di visitarlo continuamente! Per maggiori informazioni sui feed, guarda questo filmato.

 

Leggi anche:

>> La scuola secondo la Gelmini

>> Il Ministro Gelmini ripristina il 7 in condotta, ma nel frattempo elimina ben 100000 cattedre. Altro che qualità della scuola! Qui siamo allo sfascio

>> Precari: l'arte di resistere. Tristissimo, ma è tutto vero... (filmato)

>> I politici hanno una loro etica. Tutta loro. Ed è una tacca più sotto di quella di un maniaco sessuale.

>> Si torna a parlare di professori precari in tv. Il triste destino di ben 300000 lavoratori ignorati dall'opinione pubblica.

>> Bivona, il politico che avevate sempre desiderato votare! Il Potere della Fantasia, il blog che non vi fa mancare nemmeno la buona politica!

>> Secondo gli ultimi dati del Factbook 2008, il nostro Paese confina un po' col terzo mondo ed un po' con l'altro mondo!

>> Una frase del grande Totò

>> Se leggete questo post vi do 1000 euro!

>> Ma dopo queste elezioni con il nuovo Governo le città italiane si ridurranno come in questa foto?

>> Ora capisco perché all'Università certi stupidi riuscivano ad avere sempre voti alti!

>> Nel cortometraggio il deputato olandese definisce la religione islamica «nemica della libertà» e il Corano un testo fascista.

4 commenti:

  1. senza memoria non ci sarà futuro

    RispondiElimina
  2. Andrea Cavaletto5 settembre 2008 16:58

    Quel poco che rimane della memoria è memoria nozionistica, così ci sarà qualcuno che leggendo questo post sarà d'accordo nel ricordare l'infamia delle leggi razziali, ma senza fare alcun collegamento con lo spirito del tempo che ne ripresenta, sotto forma di farsa, alcuni aspetti.

    La storia è maestra di vita, ma ha pochi alunni.

    RispondiElimina
  3. Avete perfettamente ragione, la storia insegna, ma pochi riescono a cogliere questo insegnamento

    RispondiElimina
  4. bisognerebbe riprendere questa legge tale e quale com'e' sostituendo la parola "Ebrei" che poveretti non avevano colpe con "albanesi, rom e islamici" che di colpe ne hanno da vendere.

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento!

Come oscilla un pendolo su Giove? (filmato)

In questo filmato possiamo vedere una bella rappresentazione di come cambia il periodo di oscillazione di un pendolo semplice in vari corpi ...