mercoledì 15 ottobre 2008

Lo stato combatte le dipendenze dannose, ma no... le favorisce!

Stiamo parlando di lotterie, ovviamente. Quando lo Stato combatte la dipendenza dal gioco d'azzardo, dal fumo, dalla droga, dall'alcool, lo fa in maniera contraddittoria. Questo avviene soprattutto nel campo del gioco d'azzardo.

Ovviamente le varie lotterie non possono essere considerate un vero e proprio gioco d'azzardo, però non per questo non creano dipendenza psicologica. Le persone si giocano lo stipendio per giocare al superenalotto, ad esempio. Molti giocano ingenti somme, sorretti dall'illusione di poter cambiare la propria esistenza. Ma la loro esistenza invece non cambia affatto, anzi, peggiora, perché i soldi che potrebbero usare per vivere un po' più decentemente vengono "investiti" nell'illusione di poter azzeccare quei fatidici numeri. Le probabilità statistiche non hanno pietà: loro non guardano in faccia a coloro che si nutrono di facili illusioni.

Lo Stato allora se ne approfitta, perché dalle lotterie ricava moltissimi soldi. Alzi la mano chi non ha mai provato a giocare qualche numero. Ogni italiano vivente lo ha fatto almeno una volta nella vita, forse anche due. Al bar un gratta e vinci ogni tanto non fa male a nessuno... o una puntatina al superenalotto... fa bene, fa bene soprattutto al monopolio di Stato!

Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti al mio feed. I feed ti permettono di ricevere direttamente sul tuo pc tutti gli articoli del mio blog senza bisogno di visitarlo continuamente! Per maggiori informazioni sui feed, guarda questo filmato.

 

 

Leggi anche:

>> Depressione giovanile

>> Ma tutti questi malati di sesso da dove sono usciti?

>> Gli otto punti distintivi del controllo mentale

>> La sopravvalutazione dell'ottimismo e della fortuna. E le capacità non contano più niente?

>> I complessi secondo la psicologia

>> Bisogna diffidare di due categorie di persone: quelle che non hanno personalità, e quelle che ne hanno più di una!

>> Le vittime più probabili delle sette religiose sono proprio quelli che pensano che non ci cascheranno mai!

>> La sindrome di Stoccolma

>> Alfred Adler: il primo eretico della psicoanalisi

>> Il Burnout: la sindrome psichiatrica che colpisce i soggetti che esercitano professioni d'aiuto.

>> Una ricerca di psicologia ha accertato che usando il bancomat al supermercato si arriva a spendere fino al 36% in più!

>> Nomofobia: la paura di restare senza cellulare.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un tuo commento!

Come oscilla un pendolo su Giove? (filmato)

In questo filmato possiamo vedere una bella rappresentazione di come cambia il periodo di oscillazione di un pendolo semplice in vari corpi ...