Le eruzioni lineari

 

Un tipo particolare di eruzioni sono le eruzioni lineari. Esse si verificano lungo una frattura abissale.

Fra forti scosse del suolo si apre una fessura da cui fuoriescono i gas, trascinando il materiale frantumato dalle pareti della spaccatura. Esso si deposita ai lati della fessura costituendo la breccia di apertura (I).

fase1
Fase 1

Successivamente dal condotto ormai aperto defluiscono colate di lava molto fluida, che si estendono su vaste zone (II).

fase2
Fase 2

Questa imponente emissione di materiale lavico causa un abbassamento della pressione del magma all'interno della spaccatura, per cui si ha un incremento dell'attività esplosiva. Aumentano quindi i lanci di scorie, che si depositano intorno alle bocche formando dei conetti (III).

fase3
Fase 3

Il magma fresco, che risale poi nel condotto e nel cratere, può formare laghi di lava (IV).

fase4
Fase 4

Le pareti del conetto eruttivo, sottoposto alla pressione della lava, possono cedere e si ha l'efflusso delle colate laviche all'esterno (V).

fase5
Fase 5

L'eruzione ha termine quando cessa l'afflusso di magma dalla profondità; si ha allora la solidificazione della lava all'interno del cratere e delle colate (VI).

fase6
Fase 6


In alcune regioni della Terra si sono verificate migliaia di eruzioni lineari, lungo fratture sempre diverse ma vicine. Si sono così create delle coperture laviche molto estese e molto potenti, chiamate plateaux basaltici.

[Bibliografia: "I vulcani"; Alfred e Loredana Rittmann. Istituto Geografico De Agostini Novara]

____________________

Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti al mio feed. I feed ti permettono di ricevere direttamente sul tuo pc tutti gli articoli del mio blog senza bisogno di visitarlo continuamente! Per maggiori informazioni sui feed, guarda questo filmato.

 

 

Leggi anche:

>> L'Etna: un vulcano, una leggenda

>> Spettacolare eruzione vulcanica sottomarina

>> Le eruzioni vulcaniche spesso sono pericolose, ma sicuramente sono spettacolari

>> Il vulcano Shiveluch in eruzione fotografato dal satellite

>> Alla ricerca delle immagini più spettacolari di vulcani in eruzione

>> L'ultima eruzione del Vesuvio: marzo 1944

>> Un vulcano dell'Alaska in eruzione, fotografato dallo spazio

>> Nel 1902 un vulcano causò la morte di 30000 persone. La popolazione non fu evacuata perché a breve c'erano le elezioni e i partiti non volevano perdere voti!

>> Nel 1815, l'eruzione del vulcano Tambora, provocò la scomparsa di una lingua e imponenti cambiamenti climatici.

>> Il più grande vulcano d'Europa si trova sotto la superficie del mare e si chiama Marsili.

>> L'Eruzione del Vesuvio del 79 dopo Cristo, la più famosa del mondo. In questo articolo una ricostruzione degli eventi più salienti

>> Com'è nato l'Etna, il vulcano più attivo in Europa. Una storia complessa e avvincente cominciata 700000 anni fa...

Commenti

  1. Allora per restare in tema: auguri caldi e rossi come lava per un Natale felicissimo.
    Ciao, a presto.
    P.S.: Avevo già scritto un commento, ma è saltata la connessione; se ne troverai due... tanto meglio, doppi auguri per te.
    Ciao, a presto.

    RispondiElimina
  2. Grazie per gli auguri che ricambio con tutto il cuore :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Lascia un tuo commento!

Post popolari in questo blog

Perché un numero moltiplicato per zero fa zero?

Filmato di una autopsia autentica (solo per chi ha lo stomaco forte)

Insolazione e colpo di calore: i sintomi e i rimedi