lunedì 20 giugno 2016

Come trovare un lavoro che ti piace?

Esiste un modo davvero pratico per trovare il lavoro dei tuoi sogni. Ecco il segreto che ho scoperto solo io in tutto il mondo (e forse anche in tutto l’Universo) e che adesso ti elargirò GRATIS!

Basta seguire 3 semplicissimi passi:

1) Cercati e trova un lavoro qualsiasi.

2) Fattelo piacere.

3) Sogna di fare proprio quel lavoro, oppure smetti di sognare di fare quell’altro lavoro che avevi sempre sognato.

Lavoro dei sogni

Ecco fatto! Hai trovato il lavoro dei tuoi sogni.

E non svelate il segreto che vi ho confidato, mi raccomando!


Technorati Tags:

domenica 29 maggio 2016

Come diventare ricchi in pochi secondi (anche meno)

Come si può diventare ricchi in pochi secondi? Questo post è una sorta di continuazione di un altro mio post intitolato “Come diventare fortunati”. Sono sicuro che sarete ansiosi di leggere sia questo che quel post e io non vi farò attendere. Veniamo subito al dunque. Se avete già capito come diventare fortunati, allora certamente non avrete nessuna difficoltà a diventare ricchi.

Qui non si danno consigli inutili e inapplicabili nella vita reale, del tipo:

1) abbiate fiducia in voi stessi;

2) eliminate i “blocchi” dell’inconscio che vi impediscono di diventare ricchi…

3) sfruttate “la quantistica” per creare una sorta di “positivo e negativo” allo scopo di fare non so cosa e non so come…

4) varie ed eventuali (ma sempre inutili…).

Capisco il punto 1), perché la sicurezza psicologica è molto importante, ma non è tutto. Molte persone hanno una incrollabile fiducia in se stessi, ma questa loro qualità, invece di portare vantaggi, porta solo guai. La fiducia in se stessi è vantaggiosa solo se corredata da tante altre qualità, altrimenti si diventa solo dei fanatici e non dei leader…

Il punto 2) è uno dei cavalli di battaglia di tutti i “motivatori della domenica”. Secondo questi signori, i poveri sarebbero persone che hanno un “blocco mentale” che gli impedirebbe di “esaudire il proprio desiderio di ricchezza”. Io sfiderei questi motivatori ad andare in quelle regioni dell’Africa dove i villaggi sono ostaggio di guerriglieri e dove non c’è da mangiare, non solo a causa della guerra, ma anche di carestia dovuta a cambiamenti climatici e tante altre belle cose, tipo epidemie di malattie mortali. Li sfido ad andare lì e dire: “lo sapete che siete poveri perché avete un blocco mentale?” e poi spero che i guerriglieri li trattino con il dovuto rispetto… Punto 2) bocciato per manifesta inapplicabilità alla vita reale.

Il punto 3) è molto importante. La “quantistica” (come la chiamano loro) si chiama semmai Meccanica Quantistica ed è una delle teorie della Fisica più meravigliose e confermate sperimentalmente. Purtroppo è anche una delle teorie scientifiche più travisate e bistrattate. Ogni volta che qualcuno vuole impapocchiare corbellerie basta che esce fuori “la quantistica”, l’”energia quantica” e tante altre ca**ate, per riuscire a giustificare qualsiasi fandonia. Bocciato anche il punto 3) perché inapplicabile alla vita reale.

Il punto 4) non lo tratto solo per brevità del post.

Come diventare ricchi

Ma adesso arriva il momento più bello!

Il momento di rivelare a tutti (e lo rivelerò GRATIS, ma proprio GRATIS) il vero, unico, segretissimo, irripetibile consiglio per diventare ricchi in pochi secondi, ma forse anche meno di pochi secondi…

Per diventare ricchi bisogna…

bisogna…

BISOGNA…

1) PER DIVENTARE RICCHI… BISOGNA GIA’ ESSERLO!

2) Cioè bisogna essere figli di ricchi!

3) Se siete delle belle donne sposatevi con uno ricco e diventerete ricche anche voi!

Ecco, ho rivelato l’arcano segreto…

Leggetelo subito! Prima che questa pagina venga cancellata dalla CIA, NASA, KGB, Illuminati, NWO, Massoneria, Giovani Marmotte e quant’altro!!!!!!! Prima che qualche man in black mi faccia scomparire nel nulla…

Trasmettete questa saggezza a tutti!!!! (A parte lo scherzo, a riprova di quanto ho appena scritto, leggete questo).

E poi ci sarebbe un altro consiglio per diventare ricchi

4) Scrivete e vendete libri su come diventare ricchi…

Magari non diventerete ricchi, ma certamente farete un sacco di soldi facili..

Se questo post vi è piaciuto (o se siete diventati ricchi), commentate a più non posso.

Alla prossima.


Technorati Tags:

sabato 28 maggio 2016

Turbine eoliche: la più potente del mondo è la Enercon E126

Qual è la turbina eolica più potente del mondo? Stiamo parlando della gigantesca Enercon E126. Altezza 135 metri, diametro del rotore 126 metri, altezza totale 198 metri, potenza generata 7,58 megawatt. Il peso delle fondamenta di questa grande turbina eolica è di 2500 tonnellate, la torre invece pesa 2800 tonnellate. La cabina pesa 128 tonnellate, il generatore 220 e il rotore con le pale 364. Il peso totale si aggira quindi intorno alle 6000 tonnellate. La prima turbina eolica di questo modello fu installata a Emden, in Germania, nel 2007.

Il “prezzo di listino” di una unità Enercon E126 è di 14 milioni di dollari (spese di installazione escluse).

In questo filmato possiamo vedere una spettacolare e affascinante presentazione di questa gigantesca turbina eolica.

Buona visione a tutti.


lunedì 16 maggio 2016

Come diventare fortunati

Come si può diventare fortunati nella vita? Su questo tema avrete certamente letto moltissimi articoli pieni di banalità e di consigli molto vaghi e inapplicabili nella vita reale. Di solito questi consigli sono incentrati su 4 punti fondamentali:

1) Essere sempre ottimisti.

2) Cogliere le occasioni.

3) Fidarsi del proprio istinto.

4) Cambiare le solite abitudini.

Io non credo affatto che questi consigli siano validi e anche se qualcuno riuscisse ad applicarli sempre, non avrebbero certo l’effetto sperato. Ad esempio partiamo dal numero 1.

Essere sempre ottimisti è un consiglio molto superficiale, perché non si può essere ottimisti in qualsiasi campo. Ad esempio con la propria salute essere ottimisti può diventare un modo di ragionare molto pericoloso. Se ogni volta che sentiamo un malessere ci diciamo “sicuramente non è niente di grave!” allora rischiamo molto spesso di non cogliere in tempo i segnali di patologie che se curate in tempo possono guarire facilmente, ma se trascurate possono diventare molto fastidiose. Questo è un caso in cui l’ottimismo può attirare la sfortuna anziché la fortuna.

Ma vediamo il consiglio numero 2. Cogliere le occasioni. Cogliere le occasioni? Ma tu come fai a sapere “prima” che una certa situazione è un’occasione? In realtà una situazione diventa un’occasione DOPO che la stessa situazione si è sviluppata ad è arrivata alle sue conseguenze finali. Quindi solo alla FINE si può giudicare se una situazione è un’occasione oppure è un binario morto. PRIMA puoi solo sperarlo. Ciò significa che per cogliere le occasioni o provi a fare un po’ di tutto fino a quando indovini quella giusta (e raramente si ha il tempo di provare di tutto), oppure usi il tuo “istinto” per pre-vedere se la situazione è un’occasione. E qui andiamo al punto 3…

Il punto 3? Fidarsi del proprio istinto… Luke! Che la Forza sia con te… in questo consiglio sembra di sentire quasi la voce di Obi Wan che incita Luke alla battaglia. Peccato che l’istinto è una cosa molto più complessa di ciò che si sente dire. Pensate a quando c’è un terremoto e tutti scappano urlando per le strade; stanno seguendo il loro istinto, ma non stanno creando la loro fortuna, anzi, stanno facendo più danni del terremoto stesso. Infatti gli esperti consigliano in caso di calamità di NON SEGUIRE l’istinto e di applicare dei protocolli di sicurezza cercando di controllare il naturale istinto di fuggire. Facendo in questo modo si possono minimizzare i danni di una calamità naturale. Non sempre l’istinto porta alla fortuna…

Punto 4. Cambiare le proprie abitudini. Se per cambiare le proprie abitudini si intende di smettere di fare sempre le stesse cose, potrebbe essere un buon consiglio. Ma se le mie abitudini sono di fare sport ogni giorno, mangiare sano e fare tanto sesso, cambiarle non credo che possa attirare molta fortuna… Anche questo consiglio è evidentemente una banalità.

Ma allora come si fa ad avere fortuna?

Volete sapere la verità?

La fortuna non si può cercare, né si possono creare i presupposti per attirarla.

La fortuna è una condizione assolutamente CASUALE. Se ti capita bene, altrimenti non ti capita e basta.

Ogni tentativo di crearla artificialmente, anzi, rischia di peggiorare la situazione (magari seguendo acriticamente i 4 consigli citati sopra). Con la fortuna si applica molto bene la frase: Chi lascia la via vecchia per la nuova, sa quel che lascia, e non sa quel che trova.

Pensateci bene e fatemi sapere cosa ne pensate e quali sono state le vostre esperienze di vita.


Technorati Tags:

mercoledì 4 maggio 2016

Tre pianeti simili alla Terra attorno ad una stella nana ultrafredda

Una scoperta molto interessante è quella che è stata fatta da un gruppo di astronomi che ha utilizzato i telescopi dell’ESO in Cile. Si tratta della stella nana ultrafredda trappist-1 (distanza 40 anni luce) attorno alla quale orbitano tre pianeti di dimensioni e temperature superficiali simili a quelle di Venere o della Terra. Questo sistema planetario è davvero “mini” e somiglia più al sistema di lune maggiori di Giove piuttosto che al nostro Sistema Solare.

Tuttavia bisogna dire che è certamente un sistema planetario molto interessante perché pianeti del genere potrebbero essere degli ottimi candidati per cercare tracce di forme di vita.

Nel seguente filmato possiamo vedere il servizio dell’INAF dedicato a trappist-1 e ai suoi tre pianeti di “taglia” terrestre.

Buona visione a tutti.


Technorati Tags:

lunedì 2 maggio 2016

Turbina eolica fai da te che fa funzionare una radio!

Ecco una piccola turbina eolica fa da te, facile da costruire e che è in grado di far funzionare una radio. Cosa serve?

Un tubo in PVC, pale di un’elica, un motore a corrente continua e dei fili. Con questi semplici componenti possiamo costruire una turbina eolica in grado di alimentare una radio o di accendere delle piccole luci a led. Se si aggiunge anche una batteria e un inverter è possibile anche alimentare anche altri dispositivi a corrente alternata.

Un sistema del genere può essere utile in quei casi in cui non ci si può collegare alla rete elettrica (ovviamente solo per alimentare piccoli dispositivi), oppure può essere interessante anche come semplice esperienza didattica. Quella che si vede nel filmato presentato è una versione “portatile” montabile e smontabile in maniera rapida, ma nulla vieta di poter realizzare un sistema equivalente, più grande, che usa una postazione fissa con un supporto più stabile cementato al terreno.

Nel video seguente possiamo vedere questa affascinante turbina eolica fai da te.


Technorati Tags:

venerdì 29 aprile 2016

Makemake ha un satellite tutto per sé (video)

La Wide Field Camera 3 del telescopio spaziale Hubble ha permesso di identificare un satellite che orbita attorno al pianeta nano Makemake. Le osservazioni effettuate hanno permesso di stimare le dimensioni di questo oggetto (che per il momento è stato denominato MK2) in 150 km di diametro. Per stimare eccentricità, periodo ed asse maggiore dell’orbita di MK2 si dovranno fare ulteriori osservazioni.

La debole luminosità della luna, ben 1300 volte più scura di Makemake, sarebbe dovuta alla sua scarsa forza di gravità che non le permetterebbe di trattenere le particelle di ghiaccio che sublimano (passando dallo stato solido al gassoso) quando la luce solare è più intensa.

Il pianeta nano Makemake è esso stesso una scoperta recente dato che è stato individuato solo nel 2005. Nel 2008 la IAU (International Astronomical Union) l’ha riconosciuto ufficialmente come pianeta nano. Il nome deriva da quello di una divinità della mitologia del popolo dell’isola di Pasqua o Rapa Nui.

Indicata dalla freccia possiamo vedere MK2, la luna del pianeta nano Makemake.

Questa scoperta è importante per due motivi. Il primo è che grazie ad MK2 sarà possibile misurare la massa di Makemake con maggiore precisione rispetto al passato. La misura della massa permetterà, indirettamente, di risalire alle sue dimensioni e anche di farci un’idea (a partire dalla densità) della sua composizione chimica. Inoltre la scoperta di una luna di un pianeta nano così lontano è un ulteriore progresso nelle indagini astronomiche sui corpi celesti della fascia di Kuiper.

Il secondo motivo è che il telescopio spaziale Hubble, in servizio da 26 anni, riesce ancora ed essere utile per fare nuove scoperte. Hubble infatti ha una lunga storia di contributi fondamentali allo studio di oggetti lontani del sistema solare. Dobbiamo a lui, ad esempio, la scoperta di 4 dei 5 satelliti di Plutone, il pianeta nano visitato dalla sonda New Horizons lo scorso luglio.

Nel seguente video potete vedere il servizio, a cura dell’INAF, dedicato alla scoperta del satellite di Makemake. Buona visione a tutti.


Technorati Tags: