venerdì 28 dicembre 2012

Animazione di Giove e satellite Io

E’ la mia prima animazione planetaria, quindi è normale che faccia un po’ schifo Occhiolino. Nonostante tutto la pubblico, tanto voi siete sempre molto buoni con me Sorriso. Si tratta di una animazione della rotazione del pianeta Giove il 27 dicembre 2012. Sull’atmosfera gassosa del grande pianeta si proietta l’ombra del satellite Io. Si notino anche i movimenti delle nubi dell’atmosfera gioviana. Per fare questa animazione ho usato 10 foto ottenute da altrettanti filmati da circa 2000 fotogrammi ciascuno. Da ogni filmato ho selezionato i 500 migliori fotogrammi con il software Registax 6 per ottenere le immagini finali. Il telescopio usato è un Celestron CPC-800, per i filmati la camera di acquisizione è una reflex digitale Canon EOS 600d. Per allungare la focale allo scopo di ottenere un notevole ingrandimento ho usato una lente di barlow 2,5x.

Buona visione dell’animazione di Giove e del satellite Io.

(cliccare sull’immagine per vedere l’animazione)


Tag di Technorati: ,

sabato 22 dicembre 2012

La fine del mondo non c’è stata: buon Natale a tutti!

Ora che la fine del mondo non c’è stata, come volevasi dimostrare, adesso posso augurare Buon Natale a tutti i lettori di questo blog. Negli ultimi tempi lo sto trascurando un po’, ma adesso mi rimetto a lavoro per pubblicare molte notizie scientifiche interessanti che devono essere divulgate al più presto.

Buon Natale a tutti Sorriso


mercoledì 19 dicembre 2012

Cos’è la corrente elettrica?

Tutti conosciamo la corrente elettrica, ma non tutti sanno cosa è esattamente. Questo post serve proprio per spiegare cosa è questa grandezza fisica. Detto in maniera molto semplice, la corrente elettrica non è altro che un moto ordinato di cariche elettriche. Questo moto di cariche elettriche avviene in alcuni materiali detti materiali conduttori (ad esempio i metalli).

Il conduttore più usato nei circuiti elettrici è il rame. Nel seguente filmato possiamo vedere come avviene la conduzione di corrente elettrica nei materiali come i metalli. La spiegazione è fatta in maniera semplice ed “alla portata di tutti”. Buona visione del filmato.


domenica 16 dicembre 2012

Come installare un impianto fotovoltaico parzialmente integrato

Che scelte bisogna fare per installare un impianto fotovoltaico? La prima cosa che bisogna decidere è dove installare i pannelli. In questo caso la scelta è abbastanza obbligata: il posto migliore è quello con esposizione verso sud. Nel filmato che vi presento, dopo la scelta (ovvia) dell’esposizione verso sud, sono stati presi in considerazione 36 pannelli fotovoltaici in silicio policristallino da 230 watt ciascuno. Il problema è che i pannelli solari fotovoltaici producono corrente elettrica continua, quindi occorre qualcosa che la trasformi in corrente alternata. Il dispositivo che opera questa trasformazione si chiama inverter e bisogna scegliere il tipo più adatto per l’impianto da installare. Nel caso mostrato gli inverter sono 3.

Per l’installazione dei pannelli sul tetto occorre prima fissare le staffe della struttura portante e poi posizionare i profili in alluminio. Chiaramente il fissaggio delle staffe richiede una certa attenzione perché occorre produrre dei fori che vanno fatti in maniera opportuna, altrimenti potrebbero esserci delle infiltrazioni d’acqua.

Come sempre le descrizioni sono relative, le immagini possono spiegare più di mille parole. Se volete sapere come avviene l’installazione dei pannelli solari in una normale abitazione, non vi resta che guardare questo filmato. Buona visione a tutti.


Nebulosa di Orione (M42) fotografata da me

Le mie foto astronomiche non sono né professionali né perfette, ma mi vanto del fatto che mantengono quel connotato “amatoriale” che dovrebbe contraddistinguere ogni attività di un astrofilo. Qualche giorno fa ho potuto realizzare il sogno di qualunque astrofilo principiante nel campo dell’astrofotografia: immortalare la più che famosa nebulosa di Orione.

Questa bellissima nebulosa, che nel catalogo di Messier è indicata come M42, è una regione di gas e polveri lontana 1270 anni luce da noi. In questa zona dello spazio si stanno formando numerose nuove stelle; questa è la cosa più affascinante. Non c’è bisogno di un telescopio per poterla vedere, basta l’occhio nudo e con un binocolo si ottiene una visione già affascinante, perché si nota benissimo la nebulosità che incorpora una gran quantità di stelle molto brillanti.

Con un piccolo telescopio, se il cielo è limpido e osserviamo da un luogo lontano da disturbi dovuti all’illuminazione, la visione diventa davvero spettacolare. La nube luminosa si spezza in una infinità di dettagli, di disomogeneità, di chiaroscuri, di rivoli di luce, di baffi luminosi. C’è da restare davvero a bocca aperta!

I risultati più sbalorditivi (per un astrofilo) si ottengono con i moderni sensori CCD o con le reflex digitali, sempre più sensibili e privi di rumore elettronico. Basta googlare un po’ per trovare foto realizzate da dilettanti che sono dei veri capolavori. Tra questi capolavori NON si possono certo annoverare le mie foto Occhiolino; infatti per il momento accontentatevi di questa immagine. In futuro cercherò di fare di meglio.

m42rsred

Scheda tecnica

Telescopi o obiettivi di acquisizione: Celestron CPC-800
Camere di acquisizione: Canon EOS 600D / Rebel T3i
Riduttori di focale: Antares Antares f/6.3 SCT
Software: Christian Buil's Iris, Adobe Photoshop
Risoluzione: 3012x3129 pixel
Date: 14 dicembre 2012
Pose: 13x30" ISO800
Integrazione: 0.1 ore
Dark: ~11
Flat: ~11
Bias: ~11

Se avete la curiosità di capire come si realizza una foto astronomica di questo tipo, potete leggere questa guida realizzata da Michelangelo Rezzonico. Buona lettura a tutti gli interessati.


martedì 11 dicembre 2012

Energia dalle onde del mare

In questo filmato alcuni ricercatori del Politecnico di Torino spiegheranno come il moto oscillatorio di un giroscopio possa essere sfruttato per produrre energia elettrica dalle onde del mare. Si tratta di un modo innovativo per produrre energia pulita che potrebbe diventare interessante nel futuro, soprattutto nella sua prima sperimentazione che dovrebbe essere effettuata sulle coste dell’isola di Pantelleria.

Pantelleria, attualmente, dal punto di vista energetico dipende dal gasolio, che è una soluzione poco sostenibile per l’ambiente. Il mare di Pantelleria è molto adatto per la sfruttamento energetico delle onde, perché in quella zona marittima le onde sono più energetiche rispetto alla media che viene registrata nel Mediterraneo.

Il prototipo di questo dispositivo avrà un giroscopio con una ruota del diametro di 3,5 metri e produrrà una potenza di 60 kilowatt e verrà montato su uno scafo galleggiante di circa 10x15 metri. E’ già un’ottima cosa il fatto che questo tipo di ricerche sulle energie rinnovabili (diverse da fonti come l’energia solare ed eolica) sia portato avanti da ricercatori italiani.

Buona visione del filmato.


Cane robot per le truppe USA

Un cane robot non è una novità, ma quelli che possiamo vedere in questo filmato sono davvero sorprendenti. Si tratta di cani robot messi a punto dalla Darpa (Defense Advanced Research Projects Agency) per essere di supporto alle truppe statunitensi. Sono in grado di camminare su vari terreni, soprattutto in quelli accidentati. Serviranno come appoggio in azioni di guerra e di perlustrazione. Sono in grado di percorrere fino a 32 chilometri portando oltre 180 chilogrammi di attrezzature.

I militari potranno così muoversi più leggeri. Ovviamente si spera che questi cani robot in futuro possano operare in settori che non siano militari. Potrebbero essere un valido aiuto in caso di calamità e di recupero di persone in pericolo. E chissà se in un futuro non lontano potranno essere dei fedeli amici dell'uomo ;-)

Buona visione del filmato.

Come oscilla un pendolo su Giove? (filmato)

In questo filmato possiamo vedere una bella rappresentazione di come cambia il periodo di oscillazione di un pendolo semplice in vari corpi ...