martedì 1 luglio 2008

Le tendenze pornografiche nascoste (mica tanto) dei cartoni animati giapponesi

Alcune sere fa mi è capitato di vedere su MTV un episodio di un manga giapponese dal titolo Najica Blitz Tactics. Una bella trama, affascinante, intrigante, seria. Però c'era un dettaglio che non poteva non notarsi...

La tendenza a fare primi piani sulle mutandine di tutti i personaggi femminili, persino quando stramazzano a terra morte!

La cosa mi ha fatto una certa impressione. Qualcuno potrebbe dire: "che c'è di male?". Magari non c'è proprio niente di male, ma qualcosa di stonato in effetti c'è, secondo me. Le continue inquadrature dal basso verso l'alto delle mutandine sono in netto contrasto con la serietà delle situazioni rappresentate e fanno scendere la qualità stavolta davvero verso il basso. Alla fine sembra solo un prodotto commerciale per adolescenti e, direi, anche un bel po' arrapati.

Istintivamente, quindi, il mio giudizio finale è stato negativo. E penso che anche il vostro lo sarebbe stato.

La tendenza al riferimento sessuale più o meno esplicito non è affatto isolata nel mondo dei cartoni animati giapponesi. In realtà certe ossessioni possono dare fastidio a noi occidentali per tanti motivi, ma hanno una ben precisa ragione di essere nella società nipponica.

Vediamo cosa ne pensa Sergio Nasta, in un interessante articolo che, in versione integrale, potete leggere qui:

"Il feticismo per gli indumenti delle ragazzine adolescenti (alcune non si fanno scrupolo a vendere i propri indumenti intimi, rigorosamente usati, a negozi specializzati che provvedono a metterli sotto vuoto e a certificarli con una scheda anagrafica della loro precedente proprietaria) incarna quel desiderio di ritorno all’adolescenza e all’innocenza, intesa come momento di deresponsabilizzazione dagli obblighi del sociale, e che diventa morbosità nella sfera della propria sessualità. Il feticcio più importante diventa così la marinaretta, ossia la divisa scolastica che ogni studentessa nipponica è obbligata a portare fino al conseguimento degli studi superiori."

In Italia, del resto, il gusto del piccante viene applicato a persone reali, come veline, soubrettes, partecipanti al Grande Fratello, amanti di uomini politici, fidanzate di calciatori, ecc... Il mondo del gossip italiano vive (e anche bene direi) su queste situazioni. Forse per i giapponesi queste cose sarebbero altrettanto fastidiose di come lo sono per noi i cartoni animati pieni zeppi di ammiccamenti sessuali più o meno espliciti.

Così come nessuno si meraviglia della quantità di ragazze nude sulle copertine delle più diffuse riviste, allora i giapponesi si comportano nella stessa maniera con i personaggi dei manga, con la differenza che non recano alcun male o danno (o meglio non portano alcun aumento di audience) ai protagonisti che sono soltanto entità immaginate.

E' naturale che c'è anche un'altra sostanziale differenza tra la percezione della sessualità in occidente e quella che c'è in Giappone. La mancanza di un "senso di colpa" dovuto alla convinzione di origine cristiana che il sesso sia un "peccato" in ogni situazione possibile, favorisce nei giapponesi una rappresentazione molto più libera e senza molti tabù.

In conclusione, quindi, ciò che a noi può sembrare una gratuita rappresentazione di qualcosa di insopportabilmente perverso e quasi insulso, che usa persino il mezzo depravato dei cartoni animati o dei fumetti, potrebbe non essere così tremendamente negativo.

Non per questo comunque consiglierei di far vedere certi manga ai vostri figli più piccoli ;-)

 

Leggi anche:

>> Tutti i miti sbagliati sulla masturbazione

>> Ma perché Cristina Chiabotto quando presenta RTV deve stare nuda?

>> Sono sicuro che Mara Carfagna darà un apporto fondamentale a questo nuovo Governo (foto)

>> Illustrazioni digitali di genere horror di ragazze adolescenti

>> Il dizionario delle perversioni

>> Non vi sembra imbarazzante questa pubblicità? Sto parlando della topolona (filmato)

>> Cercasi Pucca disperatamente!!!

>> Naruto, il nuovo fenomeno dei manga giapponesi.

3 commenti:

  1. Permettimi, prima di tutto, una correzione: per "manga" si intende "fumetto giapponese" (da noi), per "anime" si intende "cartone animato giapponese" (anche qua da noi).
    Quindi tu hai citato un anime.

    Per quanto riguarda il titolo in questione, diciamo che non è uno dei migliori esempi (tra la mole di titoli che il Giappone propone) di animazione nipponica.
    Io stesso l'ho evitato rigorosamente.

    Per il lato psicologico delle mutandine non lo discuto perchè ritengo le parole di questo Sergio Nasta solo un suo parere personale senza alcuna validità scientifica (come lo sono, per me, tutte le "arti psicologiche").

    Invece discuto il titolo del post che, come spesso accade, tende a generalizzare un po' troppo.
    In Giappone esistono, stenterai a crederci, anche tanti anime (e manga) dove non si vedono mutandine, perchè realizzati per un target di bambini (kodomo こども).
    L'errore generale dipende dalla nostra cultura secondo la quale tutti i cartoni animati sono roba per bambini.

    Ti quoto, invece, quando dici che bisognerebbe evitare di far vedere certi anime (tu scrivi manga, però la restrizione andrebbe comunque applicata anche ai fumetti) ai bambini, proprio perchè non sono stati prodotti per loro.
    Quando lo impareranno (soprattutto le emittenti tv) non sarà mai troppo tardi.

    RispondiElimina
  2. Salve sono il succitato Sergio Nasta. Le premetto che a me Najica piace, anche se preferisco altre opere dell'autore (Takuya Tashiro).

    Detto questo la ringrazio per la citazione, ma devo dire che è un pochino estrapolata dal contesto, perchè nel mio articolo parlo di generi quali "shonen ai, yaoi, hentai, yuri" e di alcuni argomenti in essi trattati.
    Nell'articolo parlo di sadomasochismo, feticismo e altre "variazioni sul tema" delle pratiche sessuali trattate in manga erotici descrivendo situazioni di vita reale in essi riproposti.

    Najica non appartiene a nessuno di questi generi, è solo un banale anime d'avventura con riferimenti sexy, allo stesso modo in cui potrebbero esserlo gli occidentalissimi catwoman o vampirella.

    Le continue inquadrature delle mutandine fanno parte dello stile di Takuya Tashiro che, secondo me (ma è solo una mia supposizione non supportata da fatti concreti), ha trovato questo escamotage per farsi notare nel panorama fumettistico e dell'animazione giapponese. In Najica non sono indicative di alcunché di sessuale.

    L'orario di messa in onda di Najica da parte di MTV oltretutto, è abbondantemente al di fuori della fascia per piccoli e quindi, il suo consiglio di non far vedere il "cartone animato" (magari chiamarlo "anime" sarebbe più corretto) ai figli più piccoli, suona un po’ inopportuno.

    La ringrazio per aver letto e aver citato il mio articolo e la esorto a contestualizzare meglio le sue citazioni in futuro.

    Sergio Nasta
    http://www.sergionasta.it

    Nell'articolo parlo di sadomasochismo, feticismo e altre "variazioni sul tema" delle pratiche sessuali trattate in manga erotici descrivendo situazioni di vita reale in essi riproposti.

    Najica non appartiene a nessuno di questi generi, è solo un banale anime d'avventura con riferimanti sexy, allo stesso modo in cui potrebbero esserlo gli occidentalissimi catwoman o vampirella.

    Le continue inquadrature delle mutandine fanno parte dello stile dell'autore che, secondo me (è solo una mia supposizione), ha trovato questo escamotage per farsi notare nel panorama fumettistico e dell'animazione giapponese. In Najica non sono indicative di alcunchè di sessuale.

    L'orario di messa in onda di Najica da parte di MTV oltretutto, è abbondantemente al di fuori della fascia per piccoli e quindi, il suo consiglio di non far vedere il "cartone animato" (magari chiamarlo "anime" sarebbe più corretto) ai figli più piccoli, suona un po inopportuno.

    La ringrazio per aver letto e aver citato il mio articolo e la esorto a contestualizzare meglio le sue citazioni in futuro.

    Sergio Nasta
    http://www.sergionasta.it

    RispondiElimina
  3. Salve sono il succitato Sergio Nasta. Le premetto che a me Najica piace, anche se preferisco altre opere dell'autore (Takuya Tashiro).

    Detto questo la ringrazio per la citazione, ma devo dire che è un pochino estrapolata dal contesto, perchè nel mio articolo parlo di generi quali "shonen ai, yaoi, hentai, yuri" e di alcuni argomenti in essi trattati.
    Nell'articolo parlo di sadomasochismo, feticismo e altre "variazioni sul tema" delle pratiche sessuali trattate in manga erotici descrivendo situazioni di vita reale in essi riproposti.

    Najica non appartiene a nessuno di questi generi, è solo un banale anime d'avventura con riferimenti sexy, allo stesso modo in cui potrebbero esserlo gli occidentalissimi catwoman o vampirella.

    Le continue inquadrature delle mutandine fanno parte dello stile di Takuya Tashiro che, secondo me (ma è solo una mia supposizione non supportata da fatti concreti), ha trovato questo escamotage per farsi notare nel panorama fumettistico e dell'animazione giapponese. In Najica non sono indicative di alcunché di sessuale.

    L'orario di messa in onda di Najica da parte di MTV oltretutto, è abbondantemente al di fuori della fascia per piccoli e quindi, il suo consiglio di non far vedere il "cartone animato" (magari chiamarlo "anime" sarebbe più corretto) ai figli più piccoli, suona un po’ inopportuno.

    La ringrazio per aver letto e aver citato il mio articolo e la esorto a contestualizzare meglio le sue citazioni in futuro.

    Sergio Nasta
    http://www.sergionasta.it

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento!

Come oscilla un pendolo su Giove? (filmato)

In questo filmato possiamo vedere una bella rappresentazione di come cambia il periodo di oscillazione di un pendolo semplice in vari corpi ...