sabato 31 maggio 2008

Immagine di un presunto alieno

Si tratterà di un alieno guardone? :-)

20080530_012652_Alien

C'è da dire che questa foto, che si è diffusa rapidamente su Internet, potrebbe rappresentare il riflesso di qualsiasi cosa. E poi, mi chiedo io, ma perché queste foto di alieni sono sempre in bianco e nero? Ma chi è, al giorno d'oggi, che fa foto in bianco e nero? E inoltre, perché questa foto è così scarsa come risoluzione? Forse per non fare capire bene da cosa è causato quello strano riflesso che sembra un alieno...?

 

Leggi anche:

>> 10 buone ragioni per non credere nell'esistenza degli UFO

>> Rapimenti UFO: fantasia o realtà?

>> Ecco la misteriosa Area 51 vista con Google Earth

>> Anche il famoso psichiatra e psicanalista svizzero Carl Gustav Jung (allievo di Freud) si occupò di UFO.

>> Cerchi nel grano. Le spettacolari immagini dei più belli che sono apparsi. I disegni "alieni" che però sono fatti dagli uomini.

>> Chiunque le scambierebbe per UFO, invece sono le famose luci di Hessdalen. Due filmati davvero spettacolari!

>> UFO. Un ragazzino ad Agrigento filma una stella (o una luce lontana) e dice che si tratta di un UFO! Il filmato.

>> Oltre 4 milioni di contatti per un filmato UFO ad Haiti!

>> Impianto Alieno in Italia al TG2.

>> Eccezionale filmato U.F.O.

>> Ma gli U.F.O. esistono?

Immissioni in ruolo? 50.000... 25.000... 0!

Dopo le varie voci che si sono rincorse da gennaio sulle future immissioni per il prossimo anno scolastico, al momento a viale Trastevere tutto tace.
Partendo dalle 50.000 immissioni per i docenti stabilite nella Finanziaria, si era poi prospettato ad aprile un numero molto minore, passando a circa 20.000 immissioni: causa ufficiale il minor numero di pensionamenti per il prossimo anno scolastico, anche se, in realtà, non si comprenda bene il motivo di questa eccessiva riduzione, dato che i posti disponibili in organico di diritto dovrebbero comunque ammontare a circa 46.000. Sta di fatto, cosa ancor più grave, che a fine di maggio non è stato ancora firmato nessun decreto.

L’ex-Viceministro del governo Prodi, Mariangela Bastico, aveva dichiarato che il decreto sulle assunzioni sarebbe stato firmato prima dell’insediamento del nuove Camere, ma così non si è verificato. Dopo “ il cambio di guardia” a viale Trastevere e i nuovi insediamenti, non si è saputo più nulla. Le assunzioni si sono perse per strada? ‘E urgente che il nuovo Ministro dell’Istruzione, Maria Stella Gelmini, dia delle risposte certe ai precari della scuola in attesa di stabilizzazione, soprattutto specificando se e quando verrà firmato il decreto, rassicurando tali docenti .

Al momento attuale, siamo in attesa: speriamo che al danno (l’ipotesi di un minor numero di immissioni) non segua anche la beffa di zero immissioni in ruolo. Non possono essere sempre i precari della scuola a pagare, nella logica dei risparmi economici: se si continua a negare la continuità didattica e la stabilità dei docenti agli studenti e alle loro famiglie, in una prospettiva meramente ragionieristica di tagli, significa che forse l’istruzione non è poi ritenuta così importante in questo paese e invece è proprio il cardine da cui ripartire.

Andrea Pergolini- insegnante precario.

Fonte http://www.orizzontescuola.it/orizzonte/article19237.html

 

Leggi anche:

>> Protesta degli insegnanti precari: troppo poche le immissioni in ruolo

>> La difficile vita scolastica di Daniel Pennac

>> Si torna a parlare di professori precari in tv. Il triste destino di ben 300000 lavoratori ignorati dall'opinione pubblica.

>> Aprea Bastico: tutta la diretta di questa mattina

>> L'Italia e il disprezzo della Scienza e della Tecnologia.

>> A Brindisi un altro episodio estremo di bullismo. Non stiamo crescendo adolescenti ma mostri!

Tutti i tipi di diete

Ovviamente non sono tutti. Ho pensato di realizzare un breve compendio di alcuni tipi di diete, tra le più conosciute, mettendo soprattutto in evidenza i rischi a cui si può andare incontro seguendole senza alcun criterio.

La dieta mediterranea

E' la più famosa delle diete. Pone le sue fondamenta sull'alimentazione tradizionale dei paesi europei e del bacino mediterraneo in genere. E' basata su alimenti quali: pane, frutta, verdura, erbe aromatiche, cereali, olio d'oliva, pesce e vino (in quantità moderate). I benefici sulla salute sono, principalmente, un più basso rischio di contrarre malattie cardiovascolari, una minore possibilità di sviluppare tumori di vario genere, un aumento del tasso di sopravvivenza e, secondo recenti ricerche, un decorso meno grave delle malattie autoimmuni e dell’artrite reumatoide.

 

Dieta ipocalorica

E' la classica dieta che viene prescritta dai dietologi. E' la più semplice dal punto di vista nutrizionale, ma sicuramente la più difficile da seguire con la dovuta attenzione. Occorre una ferrea volontà, anche perché bisogna stare attenti a pesare con attenzione tutti gli alimenti. Un'altro difetto (che poi non è un vero difetto) consiste nel fatto che i risultati non si vedono subito, però quando si ottengono, difficilmente gli effetti benefici si perdono. Si mangia di tutto, ma in quantità moderata.

 

Dieta dissociata

Questa dieta é piuttosto semplice e completa e permette un'alimentazione variata.Questa dieta é piuttosto semplice e completa e permette un'alimentazione variata. Questa dieta, e' considerata curativa perché tende ad eliminare le sostanze tossiche dall'organismo e a risolvere gli stati di putrefazione e fermentazione intestinale, avviando un processo di disintossicazione e purificazione.
La dieta dissociata prevede l'assunzione di cibi naturali e integrali, la prevalenza di cereali e verdure rispetto ai prodotti animali e il consumo di pasti "monopiatto", formati da un unico cibo di base accompagnato da contorni di verdura cruda o cotta.
Per favorire una buona digestione e consentire l'assimilazione ottimale dei cibi è fondamentale la corretta combinazione degli alimenti, con regole molto precise: non associare proteine e carboidrati (carne e pasta, per esempio), alimenti proteici diversi (mai mescolare tra loro latte, carne, uova, pesce, formaggi e legumi) e cibi e bevande acide con proteine e amidi; non condire gli alimenti proteici con grassi animali; consumare la frutta lontano dai pasti.
Questa dieta è piuttosto semplice e completa e permette un'alimentazione variata.
Esistono, secondo questa dieta, 3 grandi categorie di cibi: i carboidrati (pane, pasta, riso, legumi, patate, ecc); le proteine (carne, pesce, uova, formaggi, ecc) ed i cibi neutri (verdure, oli, spezie).
Il principio fondamentale della dieta è quello di non associare mai, in uno stesso pasto, un alimento appartenente al gruppo dei carboidrati con uno appartenente a quello delle proteine. Mentre le verdure, cibi neutri, possono essere consumate liberamente.

 

Dieta Scarsdale

Si tratta di un metodo di dimagrimento per persone sane, che non abbiano malattie o disturbi in corso. Deve essere seguita per massimo 14 giorni (due settimane) per poi passare ad una dieta di mantenimento. Quando si acquisiscono 2 kg in più rispetto al peso forma si può riiniziare la dieta; in questo caso un periodo di una settimana dovrebbe bastare.

Ecco le regole fondamentali:

- Mangiare esattamente quello che è stato stabilito

- Niente alcol

- Spuntini a base di carote e sedano (soltanto!!)

- Condire insalata e verdura con limone o aceto (niente olio!!)

- La carne deve essere molto magra e preparata senza burro, margarina, olio o altri grassi; togliere tutto il grasso (e la pelle per il pollo e il tacchino)

- Quando ci si sente sazi, smettere di mangiare! (eventualità peraltro rara...)

 

Dieta last minute

Di solito è una dieta che viene seguita per non più di 5 giorni e serve per perdere al massimo 2 o 3 chili. Serve per rimettersi in forma in poco tempo. E' molto criticata dai dietologi perché sottopone l'organismo ad uno stress notevole. Molti svenimenti sono causati da diete last minute troppo rigorose. Spesso la smania pre estiva di rientrare dentro il bikini può portare ad una ossessione estetica che non ha ragione di esistere. Essere in forma a costo della salute non significa affatto essere in forma. Quindi evitate le diete last minute come la peste!



Dieta vegetariana

La dieta vegetariana è spesso connessa a fattori di tipo ideologico. Viene additata come esempio di comprovata spiritualità da varie sette religiose. In realtà, quando la dieta vegetariana viene seguita in maniera troppo stretta e anche in mancanza dei prodotti lattiero-caseari, produce delle gravi carenze alimentari. La dieta vegetariana che esclude solo le carni animali invece è assolutamente completa da tutti i punti di vista.


Dieta metabolica

La dieta metabolica è in realtà una non dieta. E' un regime alimentare ideato dal dottor Mauro di Pasquale, medico canadese dalle chiare origini italiane. Basata su una drastica diminuzione dell'assunzione di carboidrati, in realtà può creare notevoli problemi all'organismo, che ha bisogno di carboidrati per sopravvivere. Si tratta di un approccio estremistico che mira a simulare una sorta di "fame da carestia" che costringerebbe il corpo a bruciare le riserve di grasso accumulate. Anche in questo caso i problemi che provoca sono decisamente superiori ai benefici che si ottengono.


Dieta colesterolo

Una dieta povera di colesterolo è necessaria in caso di Dislipidemie (innalzamento oltre i valori limite di Colesterolo e Trigliceridi nel sangue). La dieta e un regime di vita sano (non fumare e avere un'attività fisica costante) sono infatti due sistemi per tenere a bada il livello di colesterolo nel sangue. Riguardo alla dieta, essa si basa sulla riduzione dell'uso di grassi saturi cioè quelli di origine animale, zuccheri e di altri cibi con alto valore di colesterolo. Mediante l'utilizzo calibrato degli acidi grassi (cioè di origine vegetale) come l'olio di oliva, è possibile contrastare l'accumulo di colesterolo. E' possibile mangiare tranquillamente frutta e verdura, controllando periodicamente la colesterolemia e facendo attività fisica...


Dieta del minestrone

E' una delle diete più richieste e di successo. Perché? E' efficace, veloce, facile da seguire e, grazie al programma di mantenimento, consente di conservare i risultati ottenuti con la dieta.
La dieta del minestrone è un regime alimentare adatto esclusivamente a chi è in sovrappeso di almeno 7-8 kg; non è perciò consigliabile a chi ha solo qualche chilo di troppo.
Non prevede il calcolo delle calorie, la perdita di peso è determinata dalla limitazione qualitativa, non quantitativa, degli alimenti.
Prevede una riduzione, e in alcuni giorni addirittura l'eliminazione, dei grassi e dei carboidrati (pane, pasta, riso), fonti di energia per l'organismo, che è così costretto ad attingerla dai grassi di deposito. Anche in questo caso bisogna stare attenti a non arrivare a pericolosi estremismi. L'eliminazione totale di alcune sostanze non porta mai ad alcun tipo di beneficio.


Dieta in gravidanza

La dieta adottata durante la gravidanza dovrebbe essere il più possibile equilibrata. È stato più volte documentato che l'insufficiente soddisfacimento delle esigenze nutrizionali della madre sono la causa di un basso peso alla nascita del bimbo, fattore questo che determina una più elevata morbosità e mortalità perinatale e una maggiore frequenza di malformazioni congenite. Un adeguato apporto nutrizionale durante la gravidanza è pertanto indispensabile ai fini di tutelare non solo la salute della madre, ma anche di prevenire gran parte delle probabili patologie del nascituro. Il vecchio "aforisma" di "mangiare per due" è stato da tempo superato; è più ragionevole dire che la donna in gravidanza non deve mangiare per due, ma deve mangiare due volte meglio. Esistono delle categorie di donne considerate a rischio nutrizionale durante la gravidanza:

- Donne che già normalmente utilizzano una dieta carente;

- Donne con gravidanza multipla (più di un feto);

- Donne fumatrici o che facciano uso di alcool o droghe;

- Donne con intolleranza al lattosio;

- Donne sottopeso o soprappeso al momento del concepimento o che acquistano un insufficiente o un eccessivo peso durante la gravidanza;

- Adolescenti;

- Donne con scarse conoscenze nutrizionali o con risorse finanziarie inadeguate ad alimentarsi correttamente.

Quando sia presente una di queste condizioni la donna in gravidanza dovrà essere valutata in maniera più approfondita dal punto di vista del suo stato nutrizionale.


Dieta della pasta

Ci sono le diete che cercano di eliminare i carboidrati e ci sono quelle che sono basate solo sui carboidrati. Gli effetti dannosi, però, sono sempre notevoli. La dieta della pasta è una di quelle diete che non fanno bene in nessun caso. La pasta è un alimento basato sui carboidrati e poco saziante, quindi dovrebbe essere integrato da tali e tanti altri alimenti che alla fine si ridurrebbe ad una normale dieta mediterranea o ipocalorica.


 

Leggi anche:

>> La cyclette è davvero efficace per perdere peso o per mantenersi in forma?

>> La dieta ipocalorica può allungare la vita anche di un terzo.

>> Un uomo che pesava 285 Kg, con dieta, esercizio e con l'aiuto di un amico, ha perso 181 Kg

>> L'acido folico può prevenire una delle malformazioni neonatali più gravi: la spina bifida.

>> Chi ha inventato la pasta?

>> L'olivo tra leggenda e realtà

>> La corretta alimentazione

>> Che cos'è il diabete Mellito?

venerdì 30 maggio 2008

Un lampadario realizzato con i bastoncini di plastica del caffè (immagini)

Un'altra idea geniale di chi usa oggetti quotidiani riciclati per ottenere oggetti di arredamento. In questo caso devo dire che il risultato finale è davvero sorprendente. Questo lampadario non ha nulla da invidiare a quelli realizzati in cristallo e che possono arrivare a costare una piccola fortuna.

 

Leggi anche:

>> Esc

>> Cara, ritardo un po' per pranzo... (immagine)

>> La vera differenza tra uomini e donne (immagine)

>> Ma voi lo fareste ciò che ha fatto questo fotografo? (immagini)

>> Noi ci lamentiamo dei trasporti pubblici italiani, ma c'è chi sta peggio! (filmato)

>> Donna investita e trascinata per decine di metri! (filmato)

>> Guardatevi questi gattini che si muovono al ritmo della musica

>> Nuotare a dorso di cavallo è così romantico! (immagine)

>> I 10 peggiori loghi del mondo (immagini)

>> Filmato accelerato di centinaia di mongolfiere

>> Un gigantesco iceberg si stacca in Antartide. E' grande il doppio dell'isola d'Elba ed è un segno grave di riscaldamento globale (filmato)

>> Ecco come sarà il nostro pianeta tra 250 milioni di anni! (immagine)

>> Il tramonto, il fulmine e l'arcobaleno (immagini)

>> La montagna che si vede in questa foto è un miraggio.

giovedì 29 maggio 2008

Il caso e l'origine della vita

Ponetevi una semplice domanda: nelle condizioni della Terra di 4 miliardi di anni fa, che probabilità c'erano che nascesse la vita?
La risposta «La vita era inevitabile perché noi siamo qui» non funziona. È ovvio che la vita ha avuto origine e la nostra stessa esistenza è qui a dimostrarlo. Ma doveva necessariamente avere origine? In altri termini, la nascita della vita, da un brodo chimico o da qualunque cosa fosse, era inevitabile purché passassero milioni di anni?
Nessuno conosce la risposta. L'origine della vita può essere stata un puro e semplice colpo di fortuna, il frutto fortuito di un processo chimico straordinariamente improbabile, un evento così inverosimile che non capiterà mai una seconda volta nell'intero universo. Oppure potrebbe essere stata un evento banale e predeterminato come la crescita di un cristallo di sale. Come facciamo a sapere qual è la visione giusta?
Diamo un'occhiata alla teoria del colpo di fortuna chimico. La vita sulla Terra si basa su una serie di molecole molto complesse, con strutture accuratamente modellate. Anche negli organismi più semplici il DNA contiene milioni di atomi e la loro esatta sequenza è cruciale. Non si può avere una sequenza casuale, perché il DNA è il manuale di istruzioni in base al quale si sviluppa l'organismo; è sufficiente cambiare pochi atomi perché la struttura dell'intero organismo sia a rischio. Se ne cambiano troppi, l'organismo non si forma affatto.
La situazione è simile alla sequenza di parole di un romanzo. Se si cambia qualche parola a caso qua e là, è facile che il testo ne esca stravolto. Se si rimescolano tutte le parole, con ogni probabilità quello che viene fuori non è più un romanzo. Esisteranno altri romanzi con parole simili in combinazioni diverse, ma l'insieme delle sequenze di parole che riconosciamo come romanzi è una frazione infinitesimale di tutte le sequenze di parole possibili.
E' difficile immaginare le fantasmagoriche probabilità che vanno contro l'eventualità di ottenere una molecola proteica con una data sequenza accozzando amminoacidi a caso. E ciò vale già per una singola proteina. La vita, come la conosciamo oggi, richiede centinaia di migliaia di proteine specializzate, per non parlare degli acidi nucleici. Le probabilità contrarie alla sintesi puramente casuale delle sole proteine sono circa 1040.000. Ciò significa 1 seguito da 40.000 zeri, un numero che, scritto per esteso, occuperebbe decine di pagine di un libro. Al confronto, ottenere un poker 1000 volte di fila è un gioco da ragazzi. È nota l'osservazione dell'astronomo britannico Fred Hoyle, secondo cui le probabilità che un processo spontaneo metta insieme un essere vivente sono analoghe a quelle che una tromba d'aria, spazzando un deposito di robivecchi, produca un Boeing 747 perfettamente funzionante!
Alcuni ritengono che qualcosa di così fondamentale come la nostra esistenza non possa essere liquidata come un capriccio della chimica e che nascondere il problema sotto l'etichetta di «evenienza fortuita» non è che un pretesto per non affrontarlo. A volte si fa appello al principio di mediocrità: il posto che occupiamo nell'universo non ha niente di speciale o di eccezionale. La Terra sembra un tipico pianeta che ruota intorno a una tipica stella in una tipica galassia. Perché, allora, la vita su questo pianeta non dovrebbe essere un fenomeno tipico?
Ma tale argomento, sfortunatamente, non regge. La nostra stessa esistenza è, di per sé, un'eccezione alla regola che ciò che noi osserviamo non è nulla di eccezionale. Se c'è un solo pianeta nell'universo in cui esiste la vita, deve essere il nostro! Ovviamente, non potremmo trovarci a vivere in un pianeta privo di vita, per definizione. Quindi la Terra non è un pianeta preso a caso in un campione cosmico, perché noi stessi, con la nostra esistenza, lo abbiamo selezionato.
Malgrado questo dato innegabile, il compito degli scienziati è pur sempre di provare a spiegare il mondo, quanto più è possibile, in termini di leggi e di principi. Nessuno si accontenterebbe di sentirsi dire che gli anelli di Saturno si sono formati per l'associazione casuale di particelle che si muovevano in modo indipendente. Il ricorso ai capricci del caso deve essere l'ultima risorsa. Questo non vuol dire che gli eventi fortuiti non si verifichino mai o non possano avere ruoli importanti. Può darsi che la nascita della vita sulla Terra sia stata un colpo di fortuna, ma dovremmo fare almeno il tentativo di spiegarla come un normale processo fisico.

(Bibliografia: Da dove viene la vita, Paul Davies; Edizione Mondolibri)

Leggi anche:

>> La sonda Phoenix Lander giunge su Marte alle 1:53 (ora italiana) del 26 maggio 2008

>> Su Giove è apparsa una nuova "macchia rossa" (immagine)

>> Un'alba pericolosa sul pianeta Gliese 876d! (immagine)

>> Epsilon Lyrae: una stella doppia doppia!

>> Le stelle giganti di Omega Centauri (immagine)

>> Messier 63: la galassia "Girasole"

>> Nella costellazione della Croce del Sud c'è un tesoro: l'ammasso stellare chiamato "lo scrigno dei gioielli"

>> Gli astronomi sospettano la presenza di un buco nero di massa intermedia all'interno dell'ammasso globulare Omega Centauri.

>> Alcuni astronomi hanno scoperto il pianeta più giovane. Solo 2000 anni.

>> Ecco come sarà il nostro pianeta tra 250 milioni di anni! (immagine)

>> Saturno e Titano visti dalla sonda Cassini (immagine)

>> 18 miliardi di volte più massiccio del nostro Sole. Scoperto il più grande buco nero dell'Universo.

>> Una stupenda immagine della galassia Sombrero, ripresa dal telescopio spaziale.

Esc

La fuga del tasto!

Technorati Tag: ,,,

 

Leggi anche:

>> Cara, ritardo un po' per pranzo... (immagine)

>> La vera differenza tra uomini e donne (immagine)

>> Ma voi lo fareste ciò che ha fatto questo fotografo? (immagini)

>> Noi ci lamentiamo dei trasporti pubblici italiani, ma c'è chi sta peggio! (filmato)

>> Donna investita e trascinata per decine di metri! (filmato)

>> Guardatevi questi gattini che si muovono al ritmo della musica

>> Nuotare a dorso di cavallo è così romantico! (immagine)

>> I 10 peggiori loghi del mondo (immagini)

>> Filmato accelerato di centinaia di mongolfiere

>> Un gigantesco iceberg si stacca in Antartide. E' grande il doppio dell'isola d'Elba ed è un segno grave di riscaldamento globale (filmato)

>> Ecco come sarà il nostro pianeta tra 250 milioni di anni! (immagine)

>> Il tramonto, il fulmine e l'arcobaleno (immagini)

>> La montagna che si vede in questa foto è un miraggio.

Volete una spiegazione della Relatività di Einstein in 5 minuti? Guardate questo filmato!

Ovviamente non si può pretendere la completezza o il rigore scientifico, ma per tutti coloro che sono affamati di divulgazione scientifica, questo breve filmato è un'ottima introduzione alla Relatività Ristretta (o Speciale) di Einstein, che potrebbe creare la giusta curiosità per un approfondimento.

 

Leggi anche:

>> L'idea della dinamite di Nobel

>> Casalingo batte super macho! Più i maschi si impegnano nelle faccende domestiche più le donne sono felici. E le coppie fanno più sesso.

>> La storia dell'origine della festa della donna è un falso storico

>> Il telecomando che tutti i maschietti sognano! Ma c'è anche quello che sognano le femminucce! (immagini)

>> Quante calorie si consumano facendo sesso? In molti me lo hanno chiesto ed io li ho accontentati.

>> 9 mesi in 20 secondi. Le trasformazioni del corpo di una donna incinta (filmato)

>> Sesso in ufficio? Secondo uno studio recente aumenta la produttività!

>> Quante volte si vuole un figlio per amore? E quante volte per puro egoismo?

>> Siete gelosi per più di un'ora al giorno? Potrebbe essere una malattia...

>> I tacchi a spillo fanno bene al sesso? Un esempio di come NON si fa ricerca scientifica!

>> La nuova sexy divisa dell'esercito russo...

>> Musei del sesso. Ecco una piccola guida sui musei del sesso che si possono trovare in Europa.

mercoledì 28 maggio 2008

Tutte (o quasi) le risorse per affrontare gli esami di maturità.

Ovviamente a partire dalle commissioni d'esame, che potete consultare da questo link.

Per chi volesse consultare altre risorse:

Normativa Gennaio 2008

Individuazione delle materie oggetto della seconda prova scritta negli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio ordinari e sperimentali di istruzione secondaria superiore – Scelta delle materie affidate ai commissari esterni delle commissioni – Anno scolastico 2007/2008.

 

Le novità:

- Ammissione;

- Punteggio;

- Commissioni;

- Nuovo certificato superamento prove in carta semplice

 

F.A.Q. sugli esami di Stato

 

* Tutte le tracce della Prima Prova 2007.

* Tutte le tracce della Seconda Prova 2007 (con soluzioni).

* Altre risorse per le prove scritte d'esame.

* Prima Prova dal 1985 al 2007.

* Materiali per la preparazione delle prove scritte e percorsi di approfondimento per le prove orali.

 

Per quanto riguarda la Matematica, puoi cercare tra le seguenti risorse:

Ad esempio puoi trovare i collegamenti ad alcuni siti che offrono i testi e le soluzioni dei problemi assegnati all'ESAME DI STATO del LICEO SCIENTIFICO negli ultimi anni.

Dal sito ufficiale del Ministero della Pubblica Istruzione:
Le prove scritte dell'Esame di Stato 2006/2007: [http://www.pubblica.istruzione.it/argomenti/esamedistato/secondo_ciclo/prove/2007/as2007.htm].
Archivio delle prove degli anni passati: http://www.pubblica.istruzione.it/argomenti/esamedistato/secondo_ciclo/archivio_prove.htm

Dal sito PRISTEM Dell'Università Bocconi di Milano [http://matematica.uni-bocconi.it/maturita2007/esame2007.htm]. Testi, soluzioni e commenti alla prova d'ordinamento e PNI.

Dal sito www.matematicamente.it (Liceo Scientifico tradizionale e PNI, ed esempi di terza prova del Liceo Classico). Archivio delle prove degli anni passati. Testi e soluzioni.

Dal sito curato dal Prof. Lorenzo Roi [http://www.lorenzoroi.net/problemiesame.html]: Problemi d'Esame di Liceo Scientifico (2001-2006) e Problemi di Maturità di Liceo Scientifico (1991-2000)

Dal sito EASY MATEMATICA DI ADOLFO SCIMONE [http://spazioinwind.libero.it/adolscim/esami7.html], (Liceo Scientifico tradizionale e PNI). Archivio delle prove degli anni passati.

In bocca al lupo a tutti :-)

 

 

Leggi anche:

>> Le equazioni di primo grado

>> Il paradosso dell'onniscienza. Sapere tutto può essere uno svantaggio.

>> L'infinito in matematica e non solo

>> Le tabelline. Incubo di grandi e piccini

>> Come si risolvono le equazioni di secondo grado

>> Chi ha inventato i logaritmi?

>> Matematica difficile

>> Trucco matematico per eseguire moltiplicazioni tra numeri grandi

>> Il cubo a quattro dimensioni si chiama tesseratto. In questo filmato ne possiamo vedere le sconvolgenti proprietà.

>> Circa 2300 anni fa Eratostene, con una intuizione geniale, misurò la Terra con un errore di 1,5%

>> La Tromba di Torricelli (o di Gabriele) è un oggetto davvero strano: si può riempire, ma non si può pitturare!

>> L'affascinante storia del numero Zero. Una storia iniziata oltre 2000 anni fa.

>> La storia dell’ultimo teorema di Fermat e della sua dimostrazione è una vicenda più appassionante di una saga, più intricata di una tragedia

Perché di una donna gravida si dice che è "incinta"?

L'aggettivo italiano incinta è largamente usato per indicare la condizione di una donna che è in stato di gravidanza e lo possiamo trovare già nel XIII secolo, in particolare, si può ricordare il seguente passo di Jacopone da Todi, citato anche dalla Crusca e dal Tommaseo: «Spirito Santo, amor sommo e paterno, / riempié lei del suo santo governo: / incinta si trovò la pulzelletta». L'etimologia della parola ci porta al latino medievale incincta che, a sua volta, deve considerarsi un rifacimento paretimologico del latino classico inciens -entis «gravida», sul modello del participio passato di incingere «recingere»; tale accostamento è motivato da Isidoro di Siviglia, nelle Etimologie, attribuendo al prefisso in- un valore negativo (incincta equivarrebbe quindi a non cincta) e alludendo così al fatto che le donne gravide non fossero use portare cintura («incincta, id est sine cinctu; quia praecingi fortiter uterus non permittit»). Non infrequente, infine, nella scrittura poetica, è l'uso di sostantivare l'aggettivo, come, per esempio, ci mostra il Parini nei versi dell'ode Alla Musa dedicati a Giunone: «Scenderà in tanto dall'eterea mole / Giuno, che i preghi de le incinte ascolta».

 

Leggi anche:

>> Anacoluto, questo sconosciuto!

>> Qual è l'origine dell'espressione "OK"?

>> Esiste il plurale di cioccolato?

>> Si dice "il weekend" o "lo weekend"?

>> Qual è l'etimologia della parola "grullo"?

>> Da dove deriva l’espressione “fare melina”?

>> Un aforisma di Woody Allen

>> "Misticismo e sogni" (Raymond Smullyan)

>> La difficile vita scolastica di Daniel Pennac

>> La sorprendente origine del saluto "ciao"

>> Qual è l'origine del termine ragù?

L'evoluzione di Lara Croft dalle origini fino ad oggi (immagine)

Ecco com'è cambiata nell'aspetto la famosa eroina dei videogiochi: Lara Croft, protagonista della riuscitissima serie Tomb Raider. Tomb Raider 1 uscì nel 1996, l'ultimo episodio, Tomb Raider Underworld, dovrebbe uscire a Dicembre 2008. 12 anni di evoluzione nella grafica dei videogiochi.

(cliccare sull'immagine per vederla ingrandita)

 

Leggi anche:

>> E' uscita la versione RC1 di Firefox 3

>> Stanchi delle solite icone feed? Se sì, guardate qui!

>> Il feed è lo strumento di contatto tra i vari blog, vediamone le basi.

>> Installare Ubuntu 8.04 in una macchina virtuale

>> Su linux possono girare simultaneamente ben 165 programmi. Guardare per credere!

>> Arriva la versione beta di Fedora 9

>> Mozilla Firefox versione 3 promette bene!

>> Internet Explorer Beta 1 disponibile per il download

>> Tutti i software freeware e opensource

>> Lista di tutti i software compatibili con Windows Vista

>> Risorse per migliorare l'aspetto del nostro Messenger.

>> 10000 visitatori unici per il mio blog. Grazie a tutti voi!

martedì 27 maggio 2008

Cara, ritardo un po' per pranzo... (immagine)

Chissà se il conducente dell'auto nera sta pensando proprio questo, oppure sta pensando a qualcos'altro...

 

Leggi anche:

>> La vera differenza tra uomini e donne (immagine)

>> Ma voi lo fareste ciò che ha fatto questo fotografo? (immagini)

>> Noi ci lamentiamo dei trasporti pubblici italiani, ma c'è chi sta peggio! (filmato)

>> Donna investita e trascinata per decine di metri! (filmato)

>> La vendetta del suonatore di tuba (filmato)

>> Guardatevi questi gattini che si muovono al ritmo della musica

>> Nuotare a dorso di cavallo è così romantico! (immagine)

>> I 10 peggiori loghi del mondo (immagini)

>> Filmato accelerato di centinaia di mongolfiere

>> Un gigantesco iceberg si stacca in Antartide. E' grande il doppio dell'isola d'Elba ed è un segno grave di riscaldamento globale (filmato)

>> Ecco come sarà il nostro pianeta tra 250 milioni di anni! (immagine)

>> Il tramonto, il fulmine e l'arcobaleno (immagini)

>> La montagna che si vede in questa foto è un miraggio.

Secondo voi può esistere un mollusco che tira le frecce?

Esiste. E ne esistono tantissime specie (oltre 600), tutte facenti parte del genere Conus. I Conus hanno la caratteristica di avere una specie di freccia acuminata che viene "scoccata" contro le proprie prede o per difesa. La freccia può penetrale nella pelle e perforare anche una tuta da sub: è velenosa quanto il veleno di un cobra (può essere letale e non esiste alcun antidoto). In mare i Conus possono cambiare un po' di aspetto (soprattutto di colore) a causa delle concrezioni di alghe sul guscio o perchè parzialmente ricoperte dalla sabbia.

L’operazione di cattura è quasi istantanea, 300 millisecondi dal momento dell’avvistamento della preda alla sua cattura. Un vero record per il mondo subacqueo.
Il mollusco dopo aver individuato il pesce da catturare posiziona la sua proboscide sul corpo della preda e lancia il suo dente-freccia con il veleno da iniettare. Il dente rimane collegato alla proboscide e quindi non avviene un distacco dal corpo del piccolo mollusco.

Nel mediterraneo ne esistono solo pochissime specie e non sono pericolose.

Si tratta di molluschi con conchiglie dall'aspetto molto bello, come quelle presentate in queste immagini:

 

Leggi anche:

>> Massacro di delfini... (filmato)

>> Tutti dicono di amare gli animali ma....

>> Il logo di Firefox è stato trovato anche nello spazio! (immagine)

>> Modificare geneticamente le specie animali solo per un discutibile gusto estetico!

>> Scienziati inglesi hanno creato il primo embrione ibrido, in parte umano e in parte animale!

>> Record di velocità nel regno animale

>> Gatti: animali molto pazienti... a volte (immagini)

>> Lo splendido pesce mandarino (immagine)

>> Un Marine in Iraq uccide un cucciolo di cane. Si tratta di un fake o dobbiamo indignarci? (filmato)

>> Brutto incontro in profondità. Uno squalo di oltre 5 metri.

Mancini alla riscossa!

  Una delle cose più comuni che si vede fare con i bambini piccoli è che, quando prendono il cucchiaio o la forchetta con la mano sinistra, vengono subito corretti.

La mano sinistra, nel passato, è stata persino definita la "mano del diavolo". Adesso questa idea non è più così diffusa e nemmeno a scuola i bambini sono più costretti ad imparare forzatamente ad usare la destra per scrivere. Però, ancora oggi, molti genitori finiscono con il porsi il problema: "lo correggo o no"?"

Secondo alcuni ricercatori dell'universitá di Oxford (Gb) il responsabile del mancinismo sarebbe addirittura un gene ed esattamente il gene denominato LRRTM1. Questo gene deciderebbe quale emisfero del cervello è preposto al controllo di specifiche funzioni, come il linguaggio o le emozioni.

Quindi, quando il nostro bambino usa la sinistra, non c'è niente di cui preoccuparsi. In questo caso la correzione non si rende più necessaria.

In fondo i mancini non se la cavano affatto male, basti pensare a quanti personaggi famosi, che si sono distinti in qualsiasi campo delle attività umane, erano mancini. Volete un piccolo elenco? Eccolo:

Fred Astaire, Kim Basinger, Kenneth Branagh, Charlie Chaplin, Tom Cruise, Matt Dillon, Robert DeNiro, Peter Fonda, Morgan Freeman, Greta Garbo, Judy Garland, Whoopie Goldberg, Cary Grant, Goldie Hawn, Kermit, la rana, Rock Hudson, Diane Keaton, George Kennedy, Nicole Kidman, Shirley MacLaine, Steve McQueen, Marcel Marceau, Harpo Marx, Marilyn Monroe, Demi Moore, Kim Novak, Ryan O'Neal, Anthony Perkins, Luke Perry, Robert Preston, Robert Redford, Keanu Reeves, Julia Roberts, Mickey Rourke, Christian Slater, Sylvester Stallone, Rod Steiger, Emma Thompson, Dick Van Dyke, Bruce Willis, Oprah Winfrey, Beethoven.

E ancora:

Musicisti mancini:
Bela Fleck - musicista jazz
Billy Cobham - compositore jazz
Bob Dylan
Carl Philipp
Emanuel Bach - compositore
Celine Dion
Christie Marie Melonson - opera
Crysal Gayle
David Byrne - (Talking Heads)
Dick Dale - chitarrista
Don Everly - The Everly Brothers
Eric Gales - chitarrista
Errol Garner - piano jazz
George Michael
Glen Campbell
Glenn Frey - (the Eagles)
Jimi Hendrix
Joe Perry
Kurt Cobain - (Nirvana)
Lou Rawls
Melissa Manchester
Natale Cole
Noel Gallagher - (Oasis)
Paul McCartney - (the Beatles)
Paul Simon - (Simon & Garfunkel)
Phil Collins - (Genesis)
Phil Everly - (The Everly Brothers)
Ringo Starr - (?) (the Beatles)
Robert Plant - (Led Zepplin)
Sergei Rachmaninoff - compositore
Vicki Carr
Wolfgang Amadeus Mozart - compositore
Zac Hanson

Sportivi mancini:
Pelé -Edson Arantes do Nascimento (calcio)
Diego Armando Maradona (calcio)
Romario (calcio)
Platini (calcio)
Gullit (calcio)
Johnny Herbert (pilota di Formula 1)
Ayrton Senna de Silva (pilota di Formula 1)
Valentino Rossi (motociclismo)
Jimmy Connors (tennis)
Goran Ivanesivic (tennis)
Martina Navratilova (tennis)
Marcello Chino Rios (tennis)
Monica Seles (tennis)

Altri mancini:
Albert Einstein (probabilmente mancino corretto)
Alessandro Magno
Aristotele
Benjamin Franklin
Benjamin Netanyahu (premier israeliano)
Bill Gates
Billy the kid (fuoriligge)
Caio Giulio Cesare
Caroline kennedy
Carlo Magno
David Rockefeller
Dwight F: Davis (ideatore della coppa Davis)
Fidel Castro
Frank Kafka
Gandi
Hans Christian Andersen
Henry Ford (fondatore omonima casa automobilistica)
Manuel Kant
Joan d'Arco (?), eroina francese
John John Kennedy
John Wesley Hardin, pistolero western
Leonardo da Vinci, (ma dipingeva con la destra)
Lord Baden-Powell, fondatore dei Boy Scouts (ambidestro)
Marie Curie
Mark Twain, scrittore
Matt Groening, cartonista (Ideatore dei Simpson)
Michelangelo
Milt Caniff, cartonista
Napoleone Bonaparte
Neil Armstrong, il primo uomo sulla luna
Pablo Picasso
Pieter Paul Rubens
Principe Carlo d'Inghilterra
Principe William d'Inghilterra
Raffaello
Ramses II
Regina Elisabetta
Regina Vittoria d'Inghilterra
Tiberio (?), imperatore romano
Winston Churchill

Ecco, l'elenco ovviamente sarebbe ancora più lungo, ma non intendo tediarvi oltre. La cosa più importante, comunque, è che nei tempi moderni si sta facendo un notevole sforzo per riabilitare i mancini nella società. Anche nel linguaggio il mancinismo finora ha avuto sempre connotati negativi. Per esempio ci sono molte frasi comuni che possono essere degradanti per un mancino. Ad esempio "nato sul lato sinistro del letto"., "Ti sei alzato con il piede sinistro"," uno sguardo sinistro", "un tiro mancino","un sinistro". In molte altre lingue del mondo il vocabolo usato la parola per dire sinistra o mancino ha, una connotazione negativa. In francese "gauche" significa sinistra, ma anche goffo, sgraziato e difficile.

Il grande numero di personaggi famosi mancini ci fa capire, invece, che il mancinismo non è un ostacolo e che non possiede affatto i connotati del "male".

Technorati Tag: mancinismo,mancino,mano sinistra,cervello,emisferi cerebrali,linguaggio,personaggio,società,scuola,bambino

Leggi anche:

>> Il sonnellino pomeridiano avrebbe effetti stupefacenti!

>> 15 consigli per evitare l'insonnia

>> La paralisi notturna: un fenomeno spesso terrificante. A voi è mai capitata?

>> La sindrome di Stoccolma

>> Nomofobia: la paura di restare senza cellulare.

>> Depressione. Questi sono i “campanelli” d’allarme.

>> Il Disturbo Istrionico di Personalità

>> Una patologia poco conosciuta ma diffusissima: il bruxismo, cioè digrignare i denti nel sonno.

>> La sola vista del dolci manda il cervello in tilt. Com'è vero!!!!!

>> Casalingo batte super macho! Più i maschi si impegnano nelle faccende domestiche più le donne sono felici. E le coppie fanno più sesso.

>> Sesso in ufficio? Secondo uno studio recente aumenta la produttività!

>> Siete gelosi per più di un'ora al giorno? Potrebbe essere una malattia..

>> I tacchi a spillo fanno bene al sesso? Un esempio di come NON si fa ricerca scientifica!

>> L'alieno su Marte. Ognuno vede ciò che vuole vedere!

>> Se non riuscite più a fantasticare come quando eravate bambini, significa che state perdendo la memoria!

domenica 25 maggio 2008

La sonda Phoenix Lander giunge su Marte alle 1:53 (ora italiana) del 26 maggio 2008

Questa notte, la sonda spaziale Phoenix Lander, si poserà sulla superficie di Marte alle 1:53 (ora italiana). Ha cominciato il suo viaggio 8 mesi fa e tra poche ore si tufferà dentro l'atmosfera marziana per un difficile atterraggio. Questa sonda è stata realizzata allo scopo di cercare tracce d'acqua nel sottosuolo di Marte. Grazie al suo braccio robotico lungo 2,3 metri, cercherà di scavare sotto la superficie per trovare l'acqua. Il luogo di atterraggio previsto è una zona del Polo Nord marziano, chiamata Green Valley. C'è una certa preoccupazione riguardo all'atterraggio della sonda. E' ancora vivo il ricordo del fallimento dell'atterraggio della sonda Mars Polar Lander (2001) che si schiantò sulla superificie di Marte a causa del prematuro spegnimento dei retrorazzi. Domani mattina avremo notizie :-)

In questo filmato c'è un'animazione delle fasi finali della missione, che porteranno il Phoenix Lander ad atterrare su Marte.

 

Leggi anche:

>> Su Giove è apparsa una nuova "macchia rossa" (immagine)

>> Un'alba pericolosa sul pianeta Gliese 876d! (immagine)

>> Epsilon Lyrae: una stella doppia doppia!

>> Le stelle giganti di Omega Centauri (immagine)

>> Messier 63: la galassia "Girasole"

>> Nella costellazione della Croce del Sud c'è un tesoro: l'ammasso stellare chiamato "lo scrigno dei gioielli"

>> Gli astronomi sospettano la presenza di un buco nero di massa intermedia all'interno dell'ammasso globulare Omega Centauri.

>> Alcuni astronomi hanno scoperto il pianeta più giovane. Solo 2000 anni.

>> Ecco come sarà il nostro pianeta tra 250 milioni di anni! (immagine)

>> Saturno e Titano visti dalla sonda Cassini (immagine)

>> 18 miliardi di volte più massiccio del nostro Sole. Scoperto il più grande buco nero dell'Universo.

>> Una luna, due pianeti, tre radiotelescopi (immagine)

>> Una stupenda immagine della galassia Sombrero, ripresa dal telescopio spaziale.

Anacoluto, questo sconosciuto!

"Quelli che muoiono, bisogna pregare Iddio per loro" (Alessandro Manzoni)

Si parla di anacoluto (dal greco anakólouthos, “che non segue”, “che non è conseguente”) quando le varie parti della frase non rispettano la normale sintassi. Come nell'esempio citato, dove la frase prima della virgola sembra incompiuta, ma trova una tacita giustificazione solo nella seconda parte. L'anacoluto serve per mimare il linguaggio parlato e viene usata in letteratura per fare esprimere personaggi considerati di basso livello culturale.

 

Leggi anche:

>> Qual è l'origine dell'espressione "OK"?

>> Esiste il plurale di cioccolato?

>> Si dice "il weekend" o "lo weekend"?

>> Qual è l'etimologia della parola "grullo"?

>> Da dove deriva l’espressione “fare melina”?

>> Un aforisma di Woody Allen

>> "Misticismo e sogni" (Raymond Smullyan)

>> La difficile vita scolastica di Daniel Pennac

>> La sorprendente origine del saluto "ciao"

>> Qual è l'origine del termine ragù?

L'olivo tra leggenda e realtà

Sull'olivo e sulla sua origine ci sono miti e leggende. L'olivo e i suoi generosi raccolti sarebbero stati fatti conoscere all'umanità dalla dea dell'antico Egitto Iside. La mitologia romana attribuisce a Ercole l'introduzione dell'olivo dal Nordafrica; la dea romana Minerva avrebbe insegnato l'arte della coltivazione dell'olivo e dell'estrazione del suo olio. Secondo un'altra leggenda l'olivo risalirebbe al primo uomo; il primo olivo sarebbe cresciuto sulla tomba di Adamo.
Gli antichi greci narrarono di una gara fra il dio del mare Posidone e la dea della pace e della sapienza Atena. La vittoria sarebbe stata assegnata a chi avesse prodotto il dono più utile per la città recentemente costruita nella regione greca dell'Attica. Posidone colpì una roccia col suo tridente e ne scaturì una sorgente. L'acqua cominciò a fluire, e dalla sorgente apparve il cavallo, simbolo di forza e potenza e aiuto prezioso in guerra. Quando venne il turno di Atena, la dea conficcò nel terreno la lancia, che trasformò in un olivo, simbolo di pace e fonte di cibo e di combustibile. Il dono di Atena fu considerato il più grande, e la nuova città fu chiamata in suo onore Atene. L'olivo è tuttora considerato un dono divino. Un olivo cresce ancora sull'Acropoli di Atene.
L'origine geografica dell'olivo è controversa. Resti fossili di quello che si ritiene sia un progenitore dell'olivo moderno sono stati trovati sia in Italia sia in Grecia. La prima coltivazione dell'olivo viene attribuita di solito a Paesi intorno al Mediterraneo orientale: a varie regioni negli attuali stati della Turchia, della Grecia, della Siria, dell'Iran e dell'Iraq. L'olivo domestico, Olea europaea, l'unica specie del genere Olea sfruttata per il suo frutto, è coltivata da almeno cinquemila anni, ma forse anche da settemila.
Dalle rive orientali del Mediterraneo, la coltivazione dell'olivo si diffuse in Palestina e in Egitto. Alcuni esperti credono che la coltivazione abbia avuto inizio a Creta, da dove, intorno al 2000 a.C., un'industria fiorente esportava l'olio in Grecia, in Nordafrica e in Asia Minore. Al crescere delle loro colonie, i greci introdussero l'olivo in Italia, in Francia, in Spagna e in Tunisia. All'espandersi dell'Impero romano, anche la coltivazione dell'olivo si diffuse nell'intero bacino mediterraneo. Per secoli l'olio d'oliva fu la merce più importante per la regione.
Oltre che per la sua funzione ovvia di fornire calorie preziose alla dieta, l'olio d'oliva fu usato in molti altri aspetti della vita quotidiana dei popoli mediterranei. Lampade che usavano come combustibile l'olio d'oliva illuminavano le case di sera. L'olio era usato anche a fini cosmetici; tanto i greci quanto i romani lo usavano per frizionarsi la pelle dopo un bagno. Gli atleti consideravano i massaggi con olio d'oliva essenziali per mantenere sciolti i muscoli. I lottatori aggiungevano sabbia o polvere al loro olio, per impedire la presa ai loro avversari. I rituali dopo le gare comportavano il bagno e altri massaggi con olio d'oliva, per lenire e guarire abrasioni. Le donne usavano olio d'oliva per mantenere giovane la pelle e lucidi i capelli. Si pensava che l'olio aiutasse a prevenire la calvizie e a promuovere la forza. I composti responsabili del profumo e dell'aroma nelle piante sono molto spesso solubili in olio, cosicché alloro, sesamo, rosa, finocchio, menta, ginepro, salvia e altre foglie e fiori venivano messi in infusione in olio d'oliva, producendo miscugli esotici profumati di grande pregio. In Grecia i medici prescrivevano olio d'oliva o alcuni di tali miscugli per numerosi disturbi e malattie, fra cui nausea, colera, ulcere e insonnia. Numerosi riferimenti all'olio d'oliva, assunto per bocca o applicato esternamente, appaiono in antichi testi egizi di medicina. Dell'olivo si usavano persino le foglie per attenuare la febbre e fornire sollievo contro la malaria. Oggi sappiamo che contengono acido salicilico, la stessa molecola, presente nel salice e nell'olmaria, da cui nel 1893 Felix Hofmann sviluppò l'Aspirina.
L'importanza dell'olio d'oliva per i popoli del Mediterraneo si riflette nei loro scritti e addirittura nelle loro leggi. Il poeta greco Omero lo chiamò « oro liquido ». Il filosofo greco Democrito pensava che una dieta a base di miele e olio d'oliva potesse permettere a un uomo di vivere cento anni, un'età estremamente avanzata in un'epoca in cui la speranza di vita oscillava intorno a quarant'anni. Nel VI secolo a.C. il legislatore ateniese Solone — che promulgò fra l'altro un codice di leggi umano, istituì tribunali popolari e il diritto di assemblea, e fondò un senato — introdusse leggi per la protezione dell'olivo. Da un oliveto si potevano rimuovere ogni anno solo due olivi. La violazione di questa legge comportava sanzioni gravi, fra cui la pena di morte.
Nella Bibbia ci sono più di cento riferimenti alle olive e all'olio di oliva. Per esempio: dopo il diluvio la colomba, uscita dall'arca, porta a Noè un ramoscello d'olivo; Mosè riceve l'istruzione di preparare un unguento di spezie e olio d'oliva; il buon samaritano versa vino e olio sulle ferite della vittima dei predoni; e le vergini sagge tengono le lampade piene d'olio d'oliva. A Gerusalemme c'è il Monte degli Olivi. Il re degli ebrei Davide nominò delle guardie per proteggere i suoi oliveti e i suoi magazzini. L'enciclopedista romano Plinio il Vecchio, nel I secolo a.C., nella Naturalis historia (XV, 1-8) scrisse che l'Italia aveva il migliore olio d'oliva del Mediterraneo. Virgilio elogiò l'olivo:
E tu però, se saggio sei, provvedi, che ne' tuoi campi numeroso alligni questo caro alla pace arbor fecondo.'
Sulla base di tutte queste informazioni sulle funzioni svolte dall'olivo nella religione, nella mitologia e nella poesia, oltre che nella vita quotidiana, non sorprende che esso sia diventato un simbolo importante per molte culture. Nell'antica Grecia, presumibilmente per il fatto che un'abbondanza d'olio d'oliva per cibo e per lampade implicava una prosperità che mancava negli anni di guerra, l'olivo divenne sinonimo di tempo di pace. Noi parliamo ancora di porgere un ramoscello d'olivo quando intendiamo fare un tentativo di pacificazione. L'olivo fu considerato anche un simbolo di vittoria, e i vincitori dei giochi olimpici ricevevano un serto di foglie d'olivo oltre a un premio in olio. Gli oliveti erano spesso considerati un obiettivo da colpire durante la guerra, poiché la loro distruzione non solo eliminava un'importante fonte di cibo del nemico, ma gli infliggeva anche un colpo psicologico devastante. L'albero dell'olivo rappresentava anche saggezza e rinnovamento; dagli olivi che sembravano distrutti dal fuoco spuntavano spesso nuovi germogli e l'albero tornava poi a dar frutto.
Infine, l'olivo rappresentava la forza (un tronco d'olivo era il bastone di Ercole) e il sacrificio (la croce su cui fu inchiodato Cristo sarebbe stata di olivo). In varie epoche e in varie culture l'olio ha simboleggiato potere e ricchezza, verginità e fertilità. L'olio d'oliva è stato usato per secoli per ungere re, imperatori e vescovi, nella loro incoronazione od ordinazione. Saul, il primo re d'Israele, fu consacrato da Samuele che gli versò un vasetto d'olio sul capo. Centinaia d'anni dopo, dal lato opposto del Mediterraneo, il re dei franchi Clodoveo I fu unto con olio d'oliva alla sua incoronazione. Altri trentaquattro re di Francia furono successivamente unti con olio tratto dalla stessa boccetta in forma di pera, fino alla sua distruzione durante la Rivoluzione francese.
L'olivo è un albero molto resistente. Esso ha bisogno, per dare un raccolto abbondante, di un clima con un breve inverno freddo, senza gelate primaverili che uccidano i fiori. Una lunga estate molto calda e un autunno mite permettono alle olive di maturare. Il Mediterraneo rinfresca le sue coste africane e riscalda le sue rive settentrionali, rendendo la regione idealmente adatta alla coltivazione dell'olivo. L'olivo non cresce nell'interno, lontano dall'effetto mitigante di un grande mare. Gli olivi possono sopravvivere anche in presenza di una piovosità molto scarsa. Le loro lunghe radici a fittone penetrano in profondità per trovare l'acqua, e le foglie sono strette e coriacee con una superficie inferiore opaca e argentea: adattamenti che impediscono la perdita d'acqua per evaporazione. L'olivo può sopravvivere a lunghi periodi di siccità e può crescere su suoli rocciosi e su terrazzature pietrose. Un gelo estremo e tempeste invernali possono strappargli rami e spezzare tronchi, ma anche un olivo apparentemente distrutto dal freddo la primavera seguente si rigenera ed emette nuovi polloni verdi. Non sorprende che coloro che si trovarono a dipendere dall'olivo per migliaia di anni siano giunti a venerarlo.

 

Leggi anche:

>> Miti e costellazioni: Orione il cacciatore

>> Anche il famoso psichiatra e psicanalista svizzero Carl Gustav Jung (allievo di Freud) si occupò di UFO.

>> Le saghe fantasy

>> L'affascinante storia del numero Zero. Una storia iniziata oltre 2000 anni fa.

>> Chi ha inventato la pasta?

>> La storia della bevanda più conosciuta del mondo: la Coca Cola.

>> Gerberto D'Aurillac: matematico o mago?

La Cavalleria

In un’epoca come la nostra dove si procede a grandi passi verso una società sempre più globalizzata e laicizzata, strettamente legata alle rigide leggi del mercato, multietnica e sempre più sensibile solo ai valori del consumismo e dell’individualismo esasperato, parlare di cavalleria e di tradizioni cavalleresche dovrebbe essere solo una curiosa disquisizione che può interessare qualche studioso di storia medioevale. Tuttavia a giudicare dal proliferare di altisonanti associazioni che si spacciano per Ordini Cavallereschi ed al crescente numero di persone desiderose di fregiarsi del titolo di “Cavaliere”, si dovrebbe pensare che l’argomento sia ancora oggi di grande attualità.

Ma chi era il Cavaliere e da dove si origina la cavalleria?

Per tentare di dare una risposta alla domanda, bisogna inevitabilmente dare uno sguardo alle origini del medioevo in Europa.

Con la fine dell'Impero Romano, culminata con la invasione delle tribù germaniche, in Europa al diritto romano si sostituisce l'autorità dei nuovi conquistatori. Un periodo che gli storici non hanno esitato a definire "oscurantismo", attraversa la seconda metà del primo millennio dopo Cristo. E' in questo periodo che iniziano a nascere le nuove classi nobiliari discendenti direttamente da forti guerrieri che al seguito di capi tribù, ricevevano in cambio dei loro servizi, possedimenti terrieri con tutto ciò che questi contenevano, uomini e animali inclusi. Queste tribù germaniche non conoscevano l'uso della scrittura (l'uso delle rune, alfabeto germanico cuneiforme, era appannaggio solo di pochissimi druidi), ed erano essenzialmente un popolo di guerrieri col culto della forza fisica e del potere delle armi, mentre in quello che rimaneva dell'Impero Romano, dove ormai il cristianesimo si era affermato soppiantando definitivamente i precedenti culti pagani, la neonata chiesa di Roma rimaneva l'unica autorità in grado di conservare cultura e tradizioni della classicità.

Alla conversione al cristianesimo di queste tribù ormai stabilitesi nel vecchio Impero, non seguì un automatico abbandono di antiche usanze e leggi barbariche per quella che era la nascente moralità del cristianesimo. In altre parole cioè, in Europa, in quello che un tempo era stato l’Impero Romano, la gente comune (contadini o artigiani che fossero) viveva in costante pericolo, tra scorrerie di briganti, nuove invasioni da nord dai Vichinghi provenienti dai paesi scandinavi e da sud dagli Arabi provenienti dalle terre del neonato Islam; ma soprattutto era continuamente esposta a violenze e soprusi di ogni tipo da parte delle stesse classi nobiliari affermatisi che piuttosto che garantire pace e stabilità, erano sempre in lotta tra loro per la conquista del potere. In particolare, per evitare lo smembramento dei loro feudi, i nobili feudatari lasciavano tutto in eredità al primogenito maschio (questa usanza veniva detta “legge del maggiorasco”), sicché agli eventuali fratelli non restava che o vivere da sudditi nella terra del fratello maggiore o tramare contro di egli o andarsene per mettersi al servizio di potenti feudatari in cerca di gloria, titoli e nuove terre da possedere. Si andò diffondendo così una nuova classe di giovani nobili (detti cadetti) che errando di feudo in feudo come mercenari, senza regole o rispetto per alcuna legge, diventavano spesso responsabili di rapine e delitti. Questi cadetti quindi non potevano certo definirsi un esempio di virtù, purtuttavia educati sin da piccoli alla lotta e all’uso delle armi, in particolare la spada, conservavano un forte rispetto per gli uomini che dimostravano il loro coraggio ed abilità in battaglia. Erano in altre parole giovani forti e violenti, ma con un innato senso dell’onore (parola oggi molto inflazionata che soprattutto nella nostra splendida isola, ricca di storia e tradizioni, è divenuta sinonimo distorto di mafia!)

Siamo in un’epoca, tra il VI e il X sec., in cui le armi da fuoco erano ben lontane dall’essere state inventate, bisogna aspettare il 1300 per i primi rudimentali archibugi; i primi fucili fecero la loro comparsa in Europa solo nel 1503, battaglia di Cerignola e nel 1522 in quella della Bicocca, dove le truppe spagnole armate con fucili ad acciarino, sbaragliarono le truppe francesi formate da picchieri e cavalieri corazzati. Inoltre le armi da lancio, archi o balestre largamente impiegate in battaglia durante tutto il medioevo, di origine antichissima (si ha notizia dell’uso delle prime balestre in estremo oriente nel 2000 a.c., gli archi risalgono addirittura al 30.000 a.c.), non venivano viste dai nobili guerrieri germani di buon occhio perché considerate armi da vili.

Fu la Chiesa di Roma, che in quel periodo andava affermando sempre più il suo potere temporale oltre che spirituale, a cercare di porre un freno all’impetuosità di quei giovani cadetti persuadendoli ad usare la loro forza ed il loro coraggio in opere di bene; per far ciò, diede loro una regola e li inquadrò nella “Cavalleria”.

E’ da precisare che il possesso di un cavallo, così come la spada, era praticamente appannaggio esclusivo delle classi nobiliari, con esso il nobile guidava in battaglia i servi e i contadini delle sue terre inquadrati come fanti armati spesso di bastoni, lance o armi da lancio.

Il cavaliere col cavallo, stabiliva un rapporto speciale, molto spesso la sua vita in battaglia dipendeva da esso, e tale rapporto ha indubbiamente modificato nel corso dei secoli la figura ed il carattere del cavaliere, codificandone quei comportamenti che lo identificano come la tipica figura del nobile.

Comunque dicevo, fu la Chiesa, che spinse quei giovani a divenire una classe di guerrieri di elite, che davano alla loro spada a forma di croce, simbolo del Sacrificio del Cristo, un valore di fede e spiritualità, spingendoli a diventare qualcosa di profondamente diverso dalla figura dell’eroe della cultura classica della Roma antica o dei poemi epici greci, in quanto questi cavalieri della nascente cristianità non combattevano più per se stessi, ma per qualcosa di molto più importante:

per Cristo, la Chiesa ed il suo popolo. Questi sono i dieci punti del giuramento del cavaliere all’atto della sua investitura:

1) Tu crederai a tutto ciò che la Chiesa insegna ed osserverai tutti i suoi comandamenti.

2) Tu proteggerai la Chiesa.

3) Tu difenderai tutti i deboli.

4) Tu amerai il paese dove sei nato.

5) Tu non ti ritirerai mai davanti al nemico.

6) Tu farai la guerra ad oltranza contro gli infedeli.

7) Tu adempirai ai tuoi doveri feudali, se non sono contrari alla legge di Dio.

8) Tu non mentirai mai e sarai fedele alla parola data.

9) Tu sarai liberale e generoso con tutti.

10) Tu sarai sempre il campione del diritto e del bene, contro l’ingiustizia e il male.

Oggi almeno alcuni di questi punti ci potrebbero apparire incomprensibili, ma bisogna ricordare che nell’Europa del medioevo nascente, spiritualità, fede e vita quotidiana formavano un tutt’uno inscindibile, ed il cavaliere di allora vuoi per sincera fede, vuoi per superstizione o per convenienza teneva in grande considerazione l’autorità della chiesa ed a quei tempi la conquista di un posto in Paradiso era molto importante. Inoltre si andava sempre più affermando una concezione pessimistica della vita, sopravvivenza forse dello spirito tragico della religiosità germanica, ma conseguenza anche della concezione negativa della realtà che il cristianesimo medievale diffonde soprattutto nel mondo germanico (siamo ancora ben lontani dalla laicità del mondo moderno, anche se già a quell’epoca nascono i primi contrasti fra il potere laico, incarnato dall’imperatore, ed il potere spirituale, incarnato dal papato.)

Ma un’altra caratteristica contraddistingue la figura del cavaliere:

il suo spirito di guerriero nobile, incarnato dal suo coraggio, dalla sua lealtà dal suo senso del dovere, cioè in altre parole dal suo Onore. Il cavaliere diceva di se:

La Fede a Dio

L’Obbedienza al Re

Il Cuore alla Dama

L’Onore a Me!

ed è in queste poche parole che si può racchiudere tutto il significato dell’essere cavaliere.

Diventarlo era cosa tutt’altro che semplice. Nelle tribù barbariche che occuparono il vecchio continente il senso di appartenenza a un clan (cioè ad un gruppo etnico-linguistico in generale ed alla propria famiglia in particolare) era molto sentito (caratteristica peraltro condivisa anche nell’impero di Roma o nelle civiltà precedenti dove la società era comunque suddivisa in classi, patrizi, plebei, contadini ecc.), per cui era molto raro che un giovane che non poteva vantare discendenze nobiliari potesse diventare un cavaliere, e questa caratteristica andò man mano accentuandosi con l’affermarsi delle famiglie nobiliari stesse nel corso delle generazioni. Inoltre diventare cavaliere non significava solamente essere nobile di nascita ma aver seguito un duro apprendistato. Il giovane cadetto infatti già a circa dieci anni, lasciava il castello del padre per andare al servizio di un altro feudatario. Qui trovava altri cadetti che si preparavano a diventare cavalieri. I più giovani si dicevano paggi; quelli che hanno più di quattordici anni erano scudieri. Essi venivano educati severamente: dovevano imparare le nobili regole della cavalleria e dovevano irrobustire il proprio corpo per sapersi trarre d’impiccio in ogni occasione; perciò imparavano a cavalcare, a maneggiare ogni tipo di armi, a lottare, a nuotare, a cacciare. E quando non si esercitavano svolgevano servizio nelle cucine e servivano a tavola. Da scudieri entravano al servizio personale di un cavaliere e lo assistevano in tutto, dalla vestizione dell’armatura all’accudirne il suo cavallo; e comunque continuavano i loro servizi di servitù nelle cucine. Quindi passavano tutta la loro infanzia tra il duro lavoro e il servire gli altri e molto raramente imparavano a leggere e scrivere, ma poiché trascorrevano la loro vita errando da castello in castello, alcuni di essi per divenire persone di buona compagnia, imparavano a suonare il liuto e la mandola. E solo compiuto il ventunesimo anno di età lo scudiero poteva sperare (se a giudizio insindacabile del cavaliere presso cui prestava servizio) di ricevere l’investitura a Cavaliere. Infatti la nomina a Cavaliere non era automatica, e solo se il giovane aspirante avesse dato prova di esserne degno, poteva coronare con successo anni di duro e servile apprendistato. Essere nominato Cavaliere assumeva un significato profondo per il giovane dell’epoca, significava essere riconosciuto nobile tra i nobili, e spesso era proprio in battaglia che il giovane scudiero proteggendo coraggiosamente il suo cavaliere si conquistava il diritto di ricevere la spada, gli speroni e lo scudo simboli dell’appartenenza alla cavalleria. Ed è molto importante ricordare che non tutti i nobili, anche se potenti feudatari, erano cavalieri, e solo un cavaliere poteva con cerimonia solenne carica di misticismo, elevare un altro uomo al rango di Cavaliere, poiché solo un Cavaliere può riconoscere nell’altro un suo pari.

Così si andò formando una classe di guerrieri coraggiosi, dall’animo fiero e nobile, dai modi cortesi, sinceri uomini di fede ma soprattutto con un profondo senso dell’Onore, Lealtà e Giustizia. Un Cavaliere non mentiva mai; non scendeva mai a compromessi anche se questo poteva significare crearsi dei nemici. In pace come in guerra il Cavaliere era sempre il paladino della giustizia, la sua rettitudine come la sua lealtà lo distinguevano sempre. In battaglia non mostrava esitazioni, ma non si abbandonava a violenze gratuite. E di fatto proprio la battaglia era il fine ultimo di un Cavaliere. Per egli, ricevere il battesimo del fuoco significava poter dimostrare a se stesso e agli altri, il suo valore, e guadagnarsi il rispetto degli altri cavalieri. Questo sentimento era ancora più esasperato nei cavalieri di lingua tedesca, in quanto fedeli alla loro tradizione religiosa precristiana, immolarsi in battaglia con la spada in pugno significava guadagnarsi il diritto ad accedere al Valhalla (il paradiso dei guerrieri secondo la mitologia dei popoli nordici, dalla penisola scandinava alla Germania), e questo li spingeva spesso a ricercare la morte in battaglia esattamente come i cavalieri Samurai del Giappone. Anzi è interessante notare come cavalieri provenienti da paesi, cultura e tradizioni profondamente diverse, finiscano con l’identificarsi negli identici valori, segno inequivocabile di uno spirito, quello cavalleresco, trasversale a quelle che sono le culture dei singoli popoli.

Naturalmente, come la storia ci insegna, non tutti gli uomini divenuti cavalieri, si dimostrarono all’altezza del loro titolo; se uno di essi mancava alla parola data o si macchiava di viltà, veniva proclamato indegno di essere Cavaliere. Condotto su un palco, tutte le sue armi venivano spezzate e calpestate, il suo scudo veniva legato alla corda di un cavallo e trascinato nel fango, dopo avervi cancellato lo stemma di famiglia. Poi veniva posto su una barella, coperto con un drappo nero e portato in chiesa come un morto. Su di lui venivano recitate le preghiere dei defunti, tutto ciò a sottolineare che egli come Cavaliere era morto. Da quel momento veniva posto al bando per tutta la vita. Ma più che di viltà, purtroppo furono in molti quelli che si macchiarono di crudeltà in battaglia, sia con i nemici sconfitti che con le popolazioni inermi, a dimostrazione che la fragilità della natura umana è tale da poter rendere un uomo contemporaneamente da un lato forte e coraggioso ma di fatto dall’altro vile e crudele.

Ma che fine ha fatto la Cavalleria e dove sono finite le sue nobili tradizioni?

Fu durante le Crociate che nacquero gli Ordini Cavallereschi, istituzioni di monaci guerrieri legate alla Chiesa, antesignane degli eserciti nazionali moderni.

Bisogna ricordare infatti che nel medioevo il concetto di nazione come la conosciamo oggi, non esisteva. Si parlava di impero che racchiudeva tutta la cristianità. Solo intorno al X-XI Sec. cominciano a delinearsi i primi regni nazionali (Francia, Spagna, Inghilterra), ed a quel tempo gli eserciti erano costituiti dai singoli feudatari che fornivano ai Re uomini e mezzi per le guerre, e che costituivano nell’insieme una forza molto eterogenea e mal coordinata. Non esisteva nemmeno il concetto di divisa nell’abbigliamento del guerriero. Ogni feudatario andava in battaglia con le sue insegne di famiglia, dipinte su scudi o cucite sulle gualdrappe dei cavalli, sui mantelli e sulle tuniche indossate sopra l’armatura, e questo contribuiva non poco alla confusione degli eserciti cristiani in battaglia.

Fu l’Ordine Militare dei Cavalieri Templari, nato durante il regno cristiano di Gerusalemme (siamo all’epoca delle Crociate) intorno all’anno 1118, ad adottare per primo una divisa in battaglia (inizialmente una tunica e un mantello completamente bianchi, solo successivamente ornati da una croce, detta patente, di colore rosso); ed essi si distinsero da subito dagli altri cavalieri cristiani presenti in Terrassanta per la loro disciplina ed organizzazione in battaglia, gettando le basi del moderno concetto di militare successivamente imitato dagli altri Ordini Cavallereschi nati in Terrassanta, e dagli eserciti nazionali che si andarono lentamente costituendo nel corso dei secoli di pari passo con il rafforzarsi dei regni stessi. E fu sempre lo stesso sopracitato Ordine, a dare una regola definitiva alla figura del Cavaliere, che da nobile e solitario guerriero, diventava un vero e proprio militare di carriera appartenente ad una istituzione che difendeva la cristianità e la tradizione cavalleresca. L’Ordine Templare fu sospeso dal papa Clemente V nel 1314 per volere dell’allora re di Francia Filippo detto il Bello ma la tradizione templare, che poi altro non era che la tradizione cavalleresca stessa, sopravvisse innanzitutto negli altri due Ordini nati durante le Crociate, l’Ordine dei Cavalieri di S.Giovanni (oggi conosciuto come Ordine di Malta) e l’Ordine dei Cavalieri di S.Maria di Gerusalemme (meglio conosciuto come Ordine Teutonico), ma più in generale nelle accademie militari delle varie nazioni europee che si formarono nei secoli successivi. Naturalmente la forte spiritualità del Cavaliere medioevale, oggi, almeno in parte, si è persa, ma quei valori che facevano del Cavaliere un nobile uomo d’onore, si sono conservate pressoché intatte all’interno delle odierne accademie militari d’Europa; quella che sembra si sia persa (almeno nella nostra Italia) è la vocazione a diventare Cavalieri, perché forse troppo distratti dai nostri egoismi, troppo assuefatti al benessere, troppo desiderosi di intraprendere una carriera che ci garantisca ricchezza, fama e potere, per poter essere disposti a sacrificare la nostra vita per un ideale, per difendere la nostra Patria e le sue tradizioni.

Ma state tranquilli, in compenso ci sono le nostre donne che sempre più stufe di fare le Dame, si affrettano a sostituire i maschi (sempre più stufi di fare i Cavalieri) nelle nostre caserme, sempre più vuote.

E che fine hanno fatto gli Ordini Cavallereschi?

Esistono ancor oggi, ma, purtroppo, della tradizione cavalleresca del medioevo hanno conservato una sola cosa: il Mantello!

Massimo Cigna

 

Leggi anche:

>> La Tradizione

>> Il Signore degli Anelli e il potere

>> Cosa è la New Age?

>> Kalhil Gibran. Una poesia dedicata all'amore.

>> Per cosa combattete?

>> Il denaro? Solo un mezzo per prevaricare sul prossimo!

>> Suor Anna Nobili

>> La difficile vita scolastica di Daniel Pennac

>> Viviamo in un Paese in cui si legge poco e quei pochi che leggono, leggono schifezze.

>> Quante volte si vuole un figlio per amore? E quante volte per puro egoismo?

>> Il cacciatore (racconto)

Come oscilla un pendolo su Giove? (filmato)

In questo filmato possiamo vedere una bella rappresentazione di come cambia il periodo di oscillazione di un pendolo semplice in vari corpi ...